tennis

L’Italia saluta il Foro italico: sconfitto anche Fabio Fognini

di Carlo Festa


default onloading pic
(REUTERS)

3' di lettura

L'Italia saluta il Foro Italico. Dopo Sinner, Cecchinato e Berrettini, ieri sera è stato sconfitto anche Fabio Fognini: tornato sul Pietrangeli a poche ore dalla vittoria su Albot, si è trovato di fronte il greco Stefanos Tsitsipas, che già in mattinata aveva eliminato Sinner. Fognini non è mai entrato in partita e ha lasciato il campo inferocito perdendo 6-4/6-3. In conferenza stampa è scoppiata poi la polemica e il tennista ligure ha messo nel mirino gli organizzatori per i due turni forzati nella stessa giornata causa la pioggia di mercoledì: “Purtroppo il direttore del torneo è questo e dobbiamo tenercelo. Certa gente dovrebbe levarsi dai c...ni. È un mio pensiero e lo avevo detto già l'anno scorso”. Fognini se la prende col direttore degli Internazionali, Sergio Palmieri, dopo la sconfitta nel secondo match giocato nella giornata, a poche ore dal turno precedente. “Cosa avrebbe potuto fare il direttore? Non lo so, chiedetelo a lui”, ha replicato stizzito Fognini in conferenza stampa.

Si sono intanto delineati i quarti di finale. Oggi alle 16 il greco Tsitsipas, ottava testa di serie, sfiderà Roger Fedeter in una gara che sa di rivincita per lo svizzeto, battuto proprio da,Tsitsipas agli ottavi di finale degli Australian Open. Gli altri quarti di finale sono Novak Djokovic- Juan Martin Del Potro, Rafa Nadal-Fernando Verdasco e Kei Nishikori-Diego Sebastiàn Schwartzman.

I favoriti della vigilia hanno illuminato la giornata. Rafa Nadal e Novak Djokovic, i due maggiori candidati alla vittoria del torneo, si sono imposti nel loro match di debutto. È apparso in forma Rafa Nadal che punta a ripetere il successo dell'anno scorso al Foro Italico, dove ha già trionfato otto volte in carriera. Non c'è infatti stata partita sul Grandstand dove ha vinto 6-0/6-1 contro il francese Jérémy Chardy. Novak Djokovic si è invece imposto in poco più di un'ora sul canadese Denis Shapovalov per 6-1/6-3. Grande match anche per Roger Federer che in tre set si è imposto in recupero contro il croato Borna Coric 2-6/6-4/7-6.

Eliminati anche gli italiani Jannik Sinner, Marco Cecchinato e Matteo Berrettini, che dopo la partita trionfale contro Zverev dello scorso turno è apparso in giornata-no: “E' stata la partita più deludente della mia carriera” ha commentato.

E' stata anche la giornata delle dichiarazioni avvelenate: oltre a Fognini, è il caso di Dominic Thiem, numero 5 del tabellone, sconfitto dalla bestia nera Fernando Verdasco: 6-4 4-6 5-7. Ma il tennista austriaco, invece di fare auto-critica per il suo tennis pieno di errori, ha messo nel mirino l'organizzazione del torneo. “Il modo in cui vengono trattati i giocatori in questo torneo è inaccettabile. Tutti sapevano che ieri avrebbe piovuto tutto il giorno, e ci hanno tenuti qui fino alle 19:30. Tutti sapevano da tempo che ci sarebbe stata una partita di calcio ieri sera (la finale di Coppa Italia). Il tragitto fino all'hotel è durato un'ora e mezza per colpa del traffico. Ho cenato e non ho potuto neanche fare dei massaggi altrimenti non avrei dormito a sufficienza, visto che mi era stato programmato il match alle 10 di mattina. Non credo sia una cosa accettabile”.

Ma la vera follia è arrivata dall'australiano Nick Kyrgios, che nel turno di oggi ha lanciato una sedia pieghevole in campo e poi se ne è andato. Squalifica immediata per il giocatore, non nuovo a gesti di questo tipo. Dopo un penalty game a causa di una parolaccia, Kyrgios ha lanciato la racchetta in terra, calciato una bottiglia, preso e scaraventato in campo la sedia del giudice di linea, e infine richiuso il borsone delle racchette per andarsene dal campo. A infastidirlo anche l'eccessivo affollamento di pubblico, complice la presenza contemporanea degli spettatori del giovedì e di quelli degli incontri annullati del mercoledì che hanno riutilizzato il biglietto questa mattina.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...