ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùVacanze sui binari

L’Italia da scoprire a bordo dei treni storici di Fondazione Fs

Il programma su rotaia per fine agosto/settembre offre itinerari per tutti i gusti: si va dal treno di Dante, che percorre i luoghi legati al Poeta da Firenze a Ravenna, fino alle meraviglie naturalistiche attraversate dalla Ferrovia dei Parchi nell’alto Molise e in Abruzzo

di Marco Morino

Il rapido Arlecchino, treno simbolo degli anni 60-70

3' di lettura

L’estate è la stagione ideale per scoprire itinerari poco battuti a bordo dei convogli storici della Fondazione Fs Italiane. Il programma su rotaia per fine agosto/settembre offre opportunità turistiche per tutti i gusti: si va dal treno di Dante, che percorre i luoghi legati al Sommo Poeta da Firenze a Ravenna, fino alle meraviglie naturalistiche attraversate dalla Ferrovia dei Parchi nell’alto Molise e in Abruzzo. Senza dimenticare un’immersione nella storia in Campania con l’Archeotreno, che da Napoli arriva fino a Pompei e Paestum, nominati patrimonio dell’umanità dall’Unesco. Si viaggia lungo il litorale partenopeo, percorrendo il miglio d’oro - quel tratto di strada che unisce Ercolano a Torre del Greco - e la prima ferrovia della penisola, sotto lo sguardo maestoso del Vesuvio, fino ai siti archeologici più famosi al mondo.

La Campania è protagonista anche con l’Irpinia Express, grazie a un accordo tra la Regione e la Fondazione Fs Italiane per promuovere il turismo storico-ferroviario sulla Avellino-Rocchetta: una delle linee più antiche d’Italia, attivata completamente nel 1895, divenuta secondaria a causa dello scarso utilizzo del traffico regolare. La sua nuova vocazione turistica consente di riscoprire l’entroterra irpino attraverso il Parco naturale regionale del fiume Ofanto fino alla destinazione finale di Lioni (Avellino), antico centro sannitico famoso per le sue mura ciclopiche (per scoprire date, orari e itinerari dell’Irpinia Express, del treno di Dante, del treno storico da Sulmona a Roccaraso e di tutti i convogli storici di Fondazione Fs consultare il sito www.fondazionefs.it).

Loading...

Al momento, la novità di maggior rilievo e più ravvicinata in calendario riguarda uno dei treni simbolo del boom economico: il treno rapido Arlecchino, parente stretto di un altro treno simbolo degli anni 60-70, il celebre Settebello. In Friuli Venezia Giulia torna la storica manifestazione dedicata al prosciutto di San Daniele e ai prodotti dell’enogastronomia della regione, quest’anno arricchita dalla possibilità di un viaggio sul mitico Etr 252 Arlecchino. L’iconico elettrotreno di lusso, inaugurato nel 1960 e interamente restaurato da Fondazione Fs, è famoso per il suo design, i colori vivaci degli allestimenti, il bar di bordo e l’inconfondibile belvedere frontale da cui poter assistere allo scorrere del paesaggio.

Nella giornata di domenica 28 agosto, grazie alla collaborazione tra Regione Friuli Venezia Giulia e Trenitalia (Gruppo Fs Italiane), l’Arlecchino viaggerà tra Trieste, Udine e Gemona, da dove partiranno i bus navetta verso San Daniele e ritorno. Inoltre, dalle ore 13 alle 15, il treno sarà visitabile da un massimo di dieci persone alla volta nella stazione di Gemona del Friuli. È possibile acquistare i biglietti (il costo è di 7,50 euro per gli adulti, per i ragazzi dai 4 ai 12 anni riduzione del 50%) su tutti i canali di vendita di Trenitalia: sito internet, app Trenitalia, self service in stazione, biglietterie, agenzie di viaggio abilitate, punti vendita Sisal Pay. La vendita è limitata a 160 biglietti per ogni treno. Il giorno prima, cioè sabato 27 agosto, l’Arlecchino effettuerà un itinerario di sola andata, con partenza da Milano Centrale alle ore 9,20 e arrivo a Venezia Santa Lucia alle ore 12,25 effettuando due fermate intermedie presso Verona Porta Nuova e Padova. Costo: 60 euro adulti, 30 euro bambini. Un appuntamento imperdibile per turisti e appassionati che avranno l’opportunità di viaggiare da Milano a Venezia a bordo del convoglio che ha fatto sognare intere generazioni (poi l’Arlecchino proseguirà alla volta del Friuli).

Infine, tra gli appuntamenti di settembre, ne segnaliamo uno in particolare che interessa il Piemonte: alla scoperta della vendemmia con il treno storico Novara-Sizzano, in calendario domenica 25. Locomotiva a vapore con carrozze anni 50 e bagaglino (partenza da Novara alle ore 9,40).

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti