pitti filati

L’Italia del tessile cresce, leader in creatività e innovazione. Ma frenata da tensioni politiche e costi energetici

di Silvia Pieraccini

4' di lettura

Sul piano della creatività e della ricerca di nuovi mix e di nuove nuances, le aziende italiane dei filati restano imbattibili, come si è visto al salone fiorentino Pitti Filati numero 84, principale appuntamento mondiale del settore (fino a venerdì 25 alla Fortezza da Basso con 119 marchi di cui 21 esteri che espongono le collezioni di filati per maglieria per la primavera-estate 2020). Imbattibili lo sono anche sul fronte della sostenibilità e delle certificazioni ambientali, ormai richieste da tutti i brand della maglieria.

Pitti Filati 84

Il dilemma è capire se queste armi - creatività, ricerca e sostenibilità – basteranno ad affrontare un anno che non s’annuncia una passeggiata, perché Paesi strategici come la Germania e la Cina stanno rallentando, perché i consumatori cambiano rapidamente, perché il settore moda vede più nero di qualche mese fa. Un anno che segue un 2018 formalmente in crescita per l'industria italiana dei filati - +2,7% il fatturato arrivato sopra 2,9 miliardi secondo le stime di Confindustria Moda, grazie soprattutto all'export (+3,6%) trainato dai filati di lana e di lino – ma che nella sostanza è stato “drogato” dai rincari delle materie prime che hanno costretto ad aumentare i listini. Per molti operatori, dunque, la crescita di fatturato non è andata a braccetto con aumenti produttivi.

Loading...

Le performance migliori arrivano dalle aziende più grandi. «Il 2018 è stato un anno di buona crescita – dice Paolo Todisco, amministratore delegato della biellese Zegna Baruffa Lane Borgosesia, specializzata nei filati di lana, 760 dipendenti – che si è chiuso con un fatturato di 113,7 milioni, in aumento del 12,5% rispetto all'esercizio precedente». Il rincaro delle materie prime ha influito, ma fino a un certo punto.

Il filato Meridian Ultrafine Lurex di Zegna Baruffe Lane Borgosesia

«Abbiamo accresciuto le quantità lavorate del 7,1%, un balzo che da tempo non si vedeva - aggiunge Todisco - per un venduto complessivo di oltre 3.400 tonnellate grazie al traino dell'export, in particolare Giappone e Usa: ora la quota export sul fatturato supera il 56% in valore ed il 59% in quantità». Il margine operativo lordo (ebitda) del 2018 dovrebbe attestarsi sopra il 5%. Per quest’anno le previsioni non sono facili da fare: «Non vediamo una fuga di clienti – conclude Todisco - ma bisognerà capire se le tensioni emerse a livello globale spingeranno a comprare meno». L’attenzione, in ogni caso, è indirizzata su lane performanti, elasticizzati, teflonati adatti allo streetwear di lusso e al fashion sportivo.

Guarda solo alla fascia alta del mercato la marchigiana Cariaggi che si lascia alle spalle un 2018 «molto positivo»: il fatturato è cresciuto del 17% arrivando a 101 milioni di euro, con un ebitda che si attesterà sul 10-11%, mentre i volumi hanno segnato +14%. «È stato un anno trainato dal cashmere e dai filati di prezzo più alto – spiegano il presidente e amministratore delegato Piergiorgio Cariaggi e la figlia Cristiana mostrando fili dai sorprendenti giochi di luce – che ha segnato la ripresa di tutti i mercati: gli Stati Uniti +15%, la Francia +53%, la Cina +45%. Il segreto è essere propositivi nel prodotto facendo ricerca e investendo in tecnologia».

Un filato in lina e seta di Cariaggi

Per quest’anno il budget prevede una crescita del 5%, in attesa che Cariaggi – oggi 50% della famiglia omonima e 50% della famiglia umbra Caprai - risolva l’antica querelle sulla proprietà aziendale.

Alessandro Bastagli di Lineapiù

Archivia un anno di consolidamento la pratese Lineapiù, leader nei filati fantasia, che chiude il 2018 a 43 milioni di fatturato con una produzione maggiore dell'anno precedente: «Segno che il prezzo medio dei prodotti venduti si è abbassato – dice il patron Alessandro Bastagli, spiegando che sono mancati gli ordini estivi – ora si tratta di capire dove va il mercato». Lineapiù continua a stimolarlo con innovazioni come il filato che contiene carta tessile, frutto di un accordo con l'azienda giapponese Washi. Il 2018 è stato un anno in linea col precedente anche per la pratese Pecci Filati, che ha chiuso a 23 milioni di euro “tradita” dalle flessioni di Italia e Usa.

Pitti Filati 84

Prospettive di ulteriore recupero, invece, per il vicino L anificio dell’Olivo, leader nell’alpaca, una delle aziende di filati passate a un fondo (in questo caso il private equity Gradiente), che nel 2018 è tornato a crescere segnando +15% a 20 milioni di euro, per il 66% all'estero. «Quest'anno vogliamo continuare a crescere – dice il direttore generale Fabio Campana – e abbiamo fatto un budget a 21 milioni. L'Europa resta strategica, anche se vogliamo accelerare nel Regno Unito; il Far East va bene, gli Usa anche».

Il neo per l’industria dei filati è ora quello energetico: «Il nostro principale problema rimane quello dei costi – spiega Raffaella Pinori, coordinatrice dei produttori di filati in Confindustria Toscana nord (Prato, Pistoia, Lucca) - fatturiamo ma i margini non sono quelli che sarebbe legittimo aspettarsi. Per avere risultati economici veramente buoni dovremmo operare in un contesto diverso almeno per quanto riguarda i costi energetici».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti