fanalino di coda

L'occupazione area Ocse sale al 68,6%, Italia ferma al 58,6%

di Giuliana Licini


default onloading pic

3' di lettura

Sale il tasso di occupazione nell’area Ocse, mentre in Italia resta fermo, dieci punti percentuali sotto la media dei Paesi industrializzati. Nel quarto trimestre del 2018 – ha reso noto l’Ocse – l’occupazione nei 36 Paesi aderenti all’Organizzazione è aumentata di 0,1 punti al 68,6% e il numero totale di occupati è di 571 milioni di persone. In Italia il tasso è, invece, rimasto al 58,6%, come nel terzo trimestre ed è il terzultimo tra i Paesi avanzati, migliore solo dei livelli registrati in Grecia 55,6% (+0,4 punti) e Turchia (51,5%, -0,6 punti). La Penisola, che alla fine del 2018 contava complessivamente 22,58 milioni di occupati, è inoltre di gran lunga il fanalino di coda del G7, che ha un’occupazione media del 71,6% (+0,2 punti). Qualche incremento è stato segnato da donne e giovani, ma anche in questi casi l’Italia è nettamente in coda rispetto ai maggiori Paesi. Nel quarto trimestre l'area euro - indica inoltre l'Ocse - nel suo insieme ha segnato un aumento dell’occupazione al 67,6% (+0,2 punti, occupati complessivi

a 147,5 milioni), sulla spinta in particolare della crescita in Estonia (al 75,8%, +1,1 p), Lussemburgo (67,9%, +1 p), Finlandia (72,7%, +0,6) e Slovenia (71,9%, +0,6%). Tasso di lavoro in progresso di 0,2 punti, poi, sia in Germania (al 76,3%, a un totale di 40,7 milioni di occupati), sia in Francia (al 65,6%, con 26,8 milioni di occupati). In calo, invece, la Lettonia (-0,6 punti al 71,9%), la Lituania (-0,6 al 72,9%) e il Portogallo (-0,1 al 69,9%). Al di fuori dell’area euro - indica inoltre l'Ocse - l’occupazione è in crescita di 0,4 punti nel Regno Unito (al 74,9%, a un totale di 31,2 mln di occupati) e di 0,3 punti negli Usa (al 71%, 146,7 mln occupati), Giappone (77,3%, 58 mln), Canada (al 74,1%, 17,9 mln), Svezia (al 77,9%), Norvegia (al 75,1%), Ungheria (69,5%) e Repubblica Ceca (75,2%). La Nuova Zelanda ha, invece, accusato una flessione di 1 punto al 76,9%. Su base annuale il tasso di occupazione nell’Ocse è in crescita di 0,6 punti e riflette principalmente l’aumento del tasso di partecipazione al lavoro e in misura minore una riduzione dei livelli di disoccupazione. Nell’area euro, l’incremento su base annua è di 0,8 punti ed è legato soprattutto alla minore disoccupazione, ma con ampie variazioni tra i Paesi. L’Italia su base annua registra un miglioramento dell’occupazione di 0,4 punti, derivante in pari misura sia dalla riduzione della disoccupazione (10,7%) che dall’aumento della partecipazione alla forza lavoro (65,6%). Il tasso di occupazione femminile nell’Ocse – emerge poi dai dati diffusi dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico - nel quarto trimestre è migliorato di 0,2 punti al 61,2%, mentre quello maschile è salito di 0,1 al 76,1%. L’area euro registra tassi al 62,5% (+0,2 punti) e al 72,8% (+0,2) rispettivamente e il G7 è al 66,4% (+0,3) e 76,9% (+0,2). In Italia il tasso di occupazione femminile è aumentato di 0,1 punti al 49,6% (quartultimo posto, migliore solo di Turchia, Messico e Grecia), mentre quello maschile è calato di 0,1 punti al 67,7%. In Germania il tasso di occupazione femminile è al 72,5% e in Francia al 62,5%. Quanto all’evoluzione per fasce di età, nel quarto trimestre l'occupazione dei giovani tra 15 e 24 anni nell’Ocse risulta in media del 42%, in progresso di 0,2 punti rispetto al terzo trimestre, a fronte del 78,6% (+0,1) nella fascia 25-54 anni e del 61,7% (+0,2) tra i 55 e 64enni. Nell’area euro il tasso di lavoro tra i giovani è pari a 33,6%, con un miglioramento di 0,3 punti e nel G7 è del 45,9% (+0,4 punti). In Italia è salito di 0,4 punti al 17,8%, ma resta al penultimo posto dell’Ocse. Solo la Grecia (14%) fa peggio.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...