Corallo

L’oro rosso mediterraneo che occorre difendere

di G.Cr.

 Il corallo viene pescato e lavorato fin dall’antichità

2' di lettura

Tutela della risorsa corallo, sviluppo e marketing delle aziende, promozione all’estero dei prodotti: sono le tre priorità di Assocoral, associazione nata nel 1977 a Torre del Greco (Napoli) come naturale evoluzione dell’Unione dei corallai, attiva già dai primi del 900. Non a caso in cima alla lista degli impegni c’è la tutela di questo magnifico, quasi magico, regalo della natura. Il corallo rosso (nome scientifico corallium rubrum) è pescato e lavorato sin dall’antichità: ve ne sono tracce tra i manufatti di sumeri, assiri, fenici e celti. Ma la sua bellezza è – come per molte risorse naturali e marine in particolare – anche la sua maledizione: la pesca non regolata non permette al corallo di rigenerarsi e in alcune aree del Mediterraneo e lungo le coste atlantiche del Marocco è necessario che le norme messe a punto dalle organizzazioni internazionali vengano rispettate.

La Gfcm (General fisheries commission for the Mediterranean) organizza da anni workshop in diverse città europee e nord africane, alla presenza di ricercatori, tecnici, scienziati provenenti da tutto il mondo insieme ai rappresentanti di tutti i governi dei Paesi mediterranei. Lo scopo è stabilire una serie di raccomandazioni obbligatorie per rendere la pesca del corallo ecocompatibile con l’ambiente marino e sostenibile nel tempo. Ma le violazioni sono numerose, anche perché la pesca regolata non è un’attività particolarmente redditizia. Va però ricordato che l’eccessivo sfruttamento del corallo dei nostri mari non è legato a un’altra emergenza, quella della scomparsa delle barriere coralline. «I coralli utilizzati in gioielleria, sia quello del Mediterraneo sia le altre quattro specie presenti nel Pacifico (japonicum, elatius, secundum e konjoi), non sono coralli di barriera – spiega Tommaso Mazza, presidente di Assocoral –. Delle circa 1.200 specie esistenti di coralli, soltanto cinque sono lavorabili per la gioielleria e nessuna di esse proviene dalle barriere coralline».

Loading...
Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti