VIVISSIME CONDOGLIANZE

L’uomo nero


2' di lettura

Tutti abbiamo avuto paura dell’Uomo nero, del Babau notturno, che veniva a rapire i bimbi cattivi, per cui le nonne ci cantavano, prima d’addormentarci, la filastrocca: «Ninna nanna, ninna oh, / questo bimbo a chi lo do? / Lo darò alla Befana / Che lo tiene una settimana / Lo darò al diavoletto / che lo tiene un mesetto. / Lo darò all’Uomo Nero / Che lo tiene un anno intero / Lo darò all’Uomo Bianco / Che le tiene finché è stanco»;
era qualcosa di amorfo e incombente legato al buio, tanto che dappertutto ha lo stesso nome, in Ungheria è il Bubus, in Russia il Buka, negli Stati Uniti d’America il Boogeyman. Fa “buu” appunto, nella stanza, nel sonno, sembra che ti salti addosso e ti metta nel sacco. Ma poi la filastrocca della saggezza antica e di tutti i miti, così chiudeva: «Lo darò al Saggio Folletto / Che lo renda Uom perfetto!», come insegna del resto la storia di Pinocchio che aveva la sua Fatina. Ora i Saggi Folletti son spariti, e non ci sono più favole a purificarci da noi stessi: l’Uomo Nero c’è proprio, si trova in classe e per strada e invece di averne rispetto, lo si umilia nei modi più vili e ignobili. Ma non serve infliggere punizioni, poiché le favole sanno vendicarsi e imprimersi nella mente più dei proclami e dei teoremi; basta ridar voce - come insegna Rodari – alle filastrocche, aggiungendo ogni giorno, e per ogni cattiveria disumana, una strofe: «Ninna nanna ninna oh / E Salvini a chi lo do? / Lo darò alla Diciotti / che lo tenga ottanta notti».

(Modesto Michelangelo Strofeo)

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti