cosmetica

La bellezza di birra, olio d’oliva e agrumi

Dalla Fabbrica dela Birra delle Tenute Collesi nelle Marche alla ligure Mediterranea fino alla calabrese Arangara, sempre più aziende sfruttano il potere delle loro coltivazioni per la cosmesi

di Marika Gervasio

default onloading pic

Dalla Fabbrica dela Birra delle Tenute Collesi nelle Marche alla ligure Mediterranea fino alla calabrese Arangara, sempre più aziende sfruttano il potere delle loro coltivazioni per la cosmesi


2' di lettura

«Abbiamo studiato i polifenoli che sono in grado di contrastare l’invecchiamento cellulare dell’organismo e della pelle in particolare. Abbiamo analizzato la componente polifenolica delle birre e ci siamo resi conto che quelle artigianali sono ricche di polifenoli tanto quanto il tè verde, già noto per queste caratteristiche. Abbiamo anche analizzato tutti gli ingredienti di partenza come malti, luppoli, lievito e i loro scarti e abbiamo notato che anche questi sono ricchi di queste sostanze». Così Piera di Martino coordinatrice del gruppo di ricerca in Tecnologie farmaceutiche della Scuola di Scienze del farmaco e dei prodotti della salute dell’Università di Camerino, racconta come è nata la linea cosmetica della Fabbrica della Birra Tenute Collesi nelle Marche e più precisamente ad Apecchio, in provincia di Pesaro-Urbino, che produce anche una linea di fragranze per l’ambiente.

Il luppolo è ricco di polifenoli che con la loro azione antiossidante combattono i radicali liberi con un intenso effetto antietà. Malto e orzo sono una fonte naturale di vitamine e il lievito di birra ha proprietà antiossidanti e rimineralizzanti, oltre a contenere vitamine del gruppo B. Un altro elemento prezioso, con cui si produce la Birra Artigianale Collesi, è l’acqua del Monte Nerone che presenta un’alta concentrazione di sali minerali.

Loading...

Dalla birra all’olio, dalle Marche alla Liguria, le radici di Mediterranea risalgono al 1911 quando a Imperia nasce l’azienda F.lli Carli che produce e commercializza olio d’oliva, elemento ricco di antiossidanti e di preziosi principi attivi che nel 1996 diventa la base delle formule cosmetiche sviluppate dal chimico Lucio Carli. «Mediterranea Cosmetics - racconta - è un brand made in Italy, fortemente innovativo, che mette sempre al centro di ogni sua attività la soddisfazione del consumatore: sia che si avvicini alla massima tecnologia cosmetica di Mediterranea Beauty, sia che cerchi le risposte cosmetiche più mirate per i problemi della pelle con Mediterranea Pharma, sia che necessiti di soluzioni cosmetiche naturali o le fragranze per la casa Mediterranea Armonie.

Per quanto riguarda le vendite l’omnicanalità è la parola d’ordine di Mediterranea Cosmetics che ha chiuso il 2019 con un 8,2 milioni di euro di ricavi, il 70% dei quali realizzati in Italia. «Bisogna essere sempre un passo avanti al mercato - conclude Carli - soprattutto nelle formulazioni dove un team di esperti in laboratorio è in grado di mettere a punto prodotti nelle nuove regioni della cosmesi con oli fermentati o microincapsulati o ancora spingendosi verso la nuova frontiera del microbioma con un ambizioso progetto realizzato con l’Università degli studi di Ferrara».

Un altro esempio arriva dalla Calabria, dove Giovanni Zappavigna, ingegnere, decide di convertire l’azienda agricola di famiglia alla porduzione di cosmetici bio. Nasce così Arangara a Bovalino, vicino Reggio Calabria, sulla Costa dei gelsomini nel cuore della Magna Grecia. “A rangara” è, infatti, il nome dialettale calabrese per l’albero di arance e proprio dagli agrumeti che si affacciano sul mare - coltivati secondo un disciplinare biologico basato sul rispetto dell’equilibrio e della biodiversità della natura da oltre tre generazioni - nascono i cosmetici naturali.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti