Tar Lazio

La bocciatura per assenze è nulla se i voti erano eccellenti

Per la validità dell’anno scolastico è richiesta la frequenza per almeno 3/4 dell’orario annuale. Ma non si può ignorare il rendimento dell’alunno

di Pietro Alessio Palumbo

(Adobe Stock)

1' di lettura

Per la validità dell’anno scolastico è richiesta la frequenza per almeno 3/4 dell’orario annuale personalizzato. Per casi eccezionali le scuole possono autonomamente stabilire motivate deroghe al suddetto limite. Ad esempio per assenze documentate e continuative che comunque non pregiudichino la possibilità di procedere alla oggettiva valutabilità degli alunni interessati. Con sentenza 9815/2021 il Tar Lazio ha evidenziato, a tal proposito, che la presenza scolastica va considerata quale mero presupposto...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati