ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSentenza Tar Lazio

La bocciatura è legittima anche in caso di «incompatibilità caratteriale»

Il giudice capitolino ha chiarito che la valutazione di non ammissione dell'alunno alla classe successiva è espressione di ampia discrezionalità, tipica del corpo docente

di Pietro Alessio Palumbo

2' di lettura

Secondo il Tar Lazio (sentenza 14755/2022) i genitori non possono contestare la bocciatura del figlio sulla base di una «incompatibilità caratteriale» del figlio col contesto scolastico. In sede di scrutinio finale veniva disposta dal Consiglio di classe la non ammissione dell'alunno alla classe successiva; dal che i genitori del ragazzo si rivolgevano al Tar per chiedere l'annullamento del provvedimento. Si contestava in particolare la mancata attuazione di concrete e adeguate iniziative finalizzate...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati