ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùla strategia

La Brexit finanziaria della Borsa di Londra: Lse cambia pelle e ora sceglie gli Usa

Dietro la vendita di Borsa Italiana da parte di Lse pesa anche la Brexit:dal 5G alla finanza, il Regno Unito sta tagliando tutti i ponti con l’Europa. Un nuovo atlantismo anche sui mercati

di Simone Filippetti

A 4 anni dal voto sulla Brexit ecco cosa è cambiato

Dietro la vendita di Borsa Italiana da parte di Lse pesa anche la Brexit:dal 5G alla finanza, il Regno Unito sta tagliando tutti i ponti con l’Europa. Un nuovo atlantismo anche sui mercati


3' di lettura

Nell'estate del 2019, quando ancora l’unica preoccupazione che assillava la Gran Bretagna era la Brexit, problema che oggi appare come un moscerino rispetto alla terribile recessione da Covid, la calma piatta di agosto fu squarciata da una notizia clamorosa: Hong Kong scala la Borsa di Londra. L'indice Hang Seng tenta di mangiarsi lo storico “Footsie”. L'affondo della ex colonia, la figlia si rivolta contro la madre, fu uno shock a Paternoster Square, la piazza sotto la cattedrale di St.Paul che è al sede del London Stock Exchange. La City, e pure l’allora neo premier Boris Johnson, fecero quadrato: la Borsa non si tocca.

Dodici mesi dopo, l'idraulica e la geopolitica sono capovolte: da un abbraccio con Hong Kong che rischiava di essere mortale, perché dietro incombeva l'ombra della Cina; a un matrimonio concordato e felice con Refinitiv, colosso informatico del fondo Blackstone con simpatie per Donald Trump.

L’addio a Piazza Affari

Nel mezzo di questo “trasformismo” britannico, c’è Piazza Affari che Lse ha deciso di “sacrificare” sull'altare del matrimonio.Ufficialmente, Lse vende Borsa Italiana per obblighi Antitrust Ue. Ma di fatto l’addio a Borsa Italiana è un'altra forma di Brexit.
Gli inglesi avevano comprato Piazza Affari nel lontano 2007, pagandola 1,6 miliardi di euro. Dopo 13 anni, Londra decide di disfarsene. Nonostante l’idea di Piazza Affari come listino per il mondo del lusso, del colosso Lse, coltivata dopo Moncler e Brunello Cucinelli, non sia mai decollata (anche perché uno dei nomi più grossi del lusso, Prada, scelse Hong Kong invece di Milano), Piazza Affari è stata una gallina dalle uova d'oro per Lse, grazie a Mts, il mercato dei titoli di Stato.

Ma l’annunciato matrimonio con Refinitiv è ancora di più, un vitello d'oro: l'aggregazione vale 27 miliardi di dollari. Ovvio che dovendo scegliere tra Borsa Italiana-Mts e Refinitiv non ci sia stata storia.

I numeri, però, sono solo un lato della medaglia. Parafrasando l'abusato Von Clausewitz, Borsa Italiana è una prosecuzione della Brexit sotto altra forma. I dubbi sul destino di Piazza Affari si erano già manifestati fin dal 31 gennaio, il giorno dell'addio formale di Uk dall’Europa.

Effetto Brexit

Poteva il mercato che gestisce il debito pubblico di uno dei paesi membri Ue e il secondo più grande al mondo stare fuori dall'Eurozona? Alcuni speravano in un legame finanziario privilegiato Londra-Milano dopo la Brexit. Invece Londra ha deciso di tagliare il cordone ombelicale. La Gran Bretagna sta scavando un fossato sempre più ampio con l’Europa: da Huawei e il 5G fino a Borsa Italiana, in ogni decisione il Regno Unito fa l’opposto della Ue, allineandosi sempre di più con gli Stati Uniti. Forse non è un caso che il cartello “Vendesi” su Piazza Affari venga messo una settimana dopo la visita a Londra di Mike Pompeo, il braccio destro del presidente Trump.

Verso gli Stati Uniti

Il baricentro del paese, in vista del distacco effettivo dalla Ue il 31 dicembre prossimo, si sta spostando verso gli Stati Uniti. E il rinnovato atlantismo passa, soprattutto, dalla finanza: i servizi finanziari sono oggi la prima voce del Pil in Uk. Il matrimonio americano di Lse con Refinitiv sarà più di un merger come tanti nella secolare storia della Borsa Valori di Londra, nata alle idi di marzo del 1801. Il London Stock Exchange cambierà fisionomia: da Borsa-mercato, Lse diverrà un gruppo di Big Data. E i numeri, almeno per ora, sembrano dare ragione alla strada scelta dal ceo David Schwimmer: mente il primo semestre del 2020 è un bagno di sangue per tutti, Lse ha addirittura aumentato i ricavi (+4%, oltre quota 1 miliardo di sterline), proprio grazie alla divisione dati, e sfoggia un utile di mezzo miliardo. È una macchina da soldi: la marginalità del 50%.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti