La carenza di posti ha fatto aumentare le richieste di danni per mobbing

1/7QUANDO SCATTA IL MOBBING E COME SI PROVA

La carenza di posti ha fatto aumentare le richieste di danni per mobbing

di Valentina Melis e Paola Maria Zerman


default onloading pic
(Adobe Stock)

Aumentano le cause dei lavoratori per farsi risarcire i danni da mobbing. In un mercato del lavoro dinamico, eventuali conflitti relazionali tra il datore di lavoro e i dipendenti o tra i colleghi, possono trovare uno sbocco in una diversa scelta occupazionale del lavoratore. In Italia, la carenza di posti di lavoro, unita all'alta conflittualità legata alla mancanza di spirito di squadra, induce molti a restare in contesti ostili, se sull'altro piatto della bilancia c'è lo spettro della disoccupazione. Può avvenire così che il dipendente non gradito, diventi l'obiettivo di veri e propri atti persecutori, che puntano a emarginarlo, perché prima o poi decida volontariamente di lasciare il posto. Questa dinamica può protrarsi, causando danni al lavoratore, che – se riconosciuti in giudizio – possono comportare l'obbligo per il datore di un risarcimento

Per saperne di più
Le sanzioni disciplinari e le visite fiscali pretestuose possono essere considerate mobbing:

Conflitti occasionali sul lavoro non sono indice di mobbing né di straining

Riproduzione riservata ©

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...