Design

La casa post-covid, protagonista del Salone

Le nuove tendenze dell’abitare e di una casa che è sempre più ibrida, un compromesso – talvolta molto forzato – tra abitazione, ufficio e aula scolastica si riverberano nelle proposte degli architetti per accrescere la qualità di vita e la funzionalità degli spazi di vita familiari

di Maria Chiara Voci

4' di lettura

Per tutti, è il Salone della ripartenza dopo la lunga pausa imposta dal Covid-19. Girando per le vie del centro di Milano al FuoriSalone e alla Design Week 2021 sorge spontaneo un interrogativo: la pandemia ha influenzato e quanto le tendenze dell’abitare protagoniste di questa edizione autunnale del Salone del Mobile? La risposta sta nei temi trattati da moltissime aziende così come dai professionisti del settore nel proporre i temi e i punti di vista delle proprie installazioni, opere e presentazioni di prodotto.

La casa post Coronavirus è un nuovo spazio principe dove mangiare e dormire, ma anche divertirsi e lavorare. Questo trend è uno dei messaggi forti che emergono dall’evento: accanto al design e alla enorme attenzione riservata, come ovvio, alla sostenibilità.

Loading...

In questo servizio, vi proponiamo qualche esempio di installazioni che sviluppano il concetto. In una cronaca sul campo dal capoluogo meneghino.

Industria del mobile +12,9% su 2019 e "Supersalone oltre attese"

La casa “fluida”

«La pandemia ci ha resi più consapevoli e ci ha fatto capire come la casa debba rispondere, oggi più di prima, ai nuovi bisogni di chi la abita». Parte da questa riflessione la mostra-installazione “La casa fluida”, firmata da Elisa Ossino Studio con il landscape design di Marco Bay. Siamo nello storico Palazzo Bovara. L’iniziativa – che nasce da un’idea di Elle Decor Italia e vede come main partner la 3M – si sviluppa in un susseguirsi di 11 ambienti, outdoor incluso, la cui visita è un’esperienza immersiva. Comfort, flessibilità di spazi e funzioni, approccio naturale alle interfacce tecnologiche, sostenibilità, oltre a design e architettura: la casa del futuro è già presente. Ibrida e multifunzionale.Sulla casa del futuro riflette Ikea Italia con Temporary Home.
Gli spazi di casaBASE ospitano, in un multiappartamento, 5 designer emergenti, ognuno dei quali ha allestito una stanza con la propria visione di Future living. In particolare, Alberto Costa, HF Retail Designer di Ikea Italia, e l'officina e studio di progettazione Miocugino promuovono una riflessione sulle modalità di vivere un alloggio alla luce delle abitudini emerse nel corso dell'ultimo anno di pandemia.
«A partire dai dati emersi da una ricerca commissionata a The Sprout Studio – spiega lo stesso Costa, illustrandoci l’installazione – abbiamo immaginato un appartamento mini che vuole rispondere alle esigenze strettamente necessarie, fortemente personalizzato e ottimizzato negli spazi, con camere da letto soppalcate, perché sono utilizzate solo in determinati orari, con attenzione al recupero dell'esistente, anche riadattando mobili e arredi con nuove funzioni rispetto a quelle originarie, e con una cucina più piccola, pensata per nuove abitudini alimentari, che virano più sul dried food. Il concetto espresso è racchiuso nel nome dell’installazione “enough is more”, che si riferisce all’importanza di utilizzare al meglio ciò che abbiamo, imparando a sfruttarlo al meglio, per salvaguardare il nostro futuro e il futuro del nostro Pianeta».

Il “Manifesto dell’abitare”

Frutto di un lavoro congiunto tra Strategy Innovation, StudioLabo, Fuorisalone.it e un gruppo di aziende partner, il Manifesto dell’Abitare “Di-stanze” rappresenta l'evoluzione di una serie di riflessioni nate durante il Laboratorio dell’Abitare realizzato in collaborazione con il Fuorisalone la scorsa primavera. Nell’occasione, era emersa con forza la necessità di un'evoluzione del concetto abitativo legato al solo design degli ambienti: smettere di misurare la casa in metri quadri e cominciare a misurarla in qualità delle relazioni. In particolare, il focus si è concentrato sulla risoluzione del paradosso fra la necessità di uno spazio di rispondere alle esigenze di comunità di una famiglia senza però alterare l'individualità. «La risposta – spiega Gian Paolo Lazzer, responsabile dell’Osservatorio Future Business Model Strategy Innovation – sta nel concetto di “distanza”. Cerchiamo allora la giusta distanza, sia essa fisica o sociale». Per questo motivo per progettare un’abitazione occorrono competenze eterogenee. Il lavoro si propone come strumento al servizio di architetti, designer e urbanisti per stimolare riflessioni e idee e dare vita a nuove forme dell’abitare.

L'installazione consiste in un appartamento di 150 metri quadrati, destinato a una coppia immaginaria con i loro tre figli di 1, 4 e 12 anni e a tutti gli amici e parenti che vi gravitano intorno. Il progetto, ricreato in un loft di via Savona 33 (distretto Tortona Rocks), presenta una visione dell'abitare flessibile e al tempo stesso concreta, tra arredi, complementi e servizi che portano alla luce e incentivano quei rapporti virtuosi che favoriscono il corretto sviluppo: sostenibilità, benessere, biofilia, creatività e attitudine all'ironia. Lo spazio, al quale si accede attraverso una scalinata interna privata, è stato completamente rivisto nel layout e ospita ora quattro camere da letto e servizi, sviluppati sul perimetro di una zona giorno fluida e suddivisa in tre macro-aree: living multi-funzione, dining e relax&gioco. Il progetto è organizzato dal team multidisciplinare di The Playful Living in collaborazione con numerosi partner e sponsor.

Il progetto The Future

The Future è invece il progetto, finanziato da Siemens, che ha coinvolto gli studenti di Naba, Nuova Accademia di Belle Arti, coordinati dall'architetto e docente Francesco Librizzi, nello studio e sviluppo di prototipi di soluzioni abitative in grado di rappresentare il cambiamento nelle abitudini evidenziato dalla pandemia e di innovare l'attuale panorama del vivere domestico, in termini di interazione tra spazi ed elettrodomestici. L’esposizione è aperta presso Naba, Nuova Accademia di Belle Arti, ma abbiamo il piacere di invitarti a due slot riservati, durante i quali potrai incontrare il management Siemens e Francesco Librizzi - Architetto, Docente di Space design presso Naba, Nuova Accademia di Belle Arti e Brand Ambassador Siemens.
Un’analisi del nuovo modo di vivere post-pandemia è ancora la spiaggia sul prato allestita al Superdesign show. Un nuovo percorso tematico dedicato al vivere all'aperto, disegnato dallo studio Basaglia + Nodari con il supporto scientifico e organizzativo di Donatella Bollani, che scommette su una nuova Ourdoor generation, contrapposta all'abitudine di vivere in spazi confinati. Molte le aziende che hanno risposto alla sfida di vestire spazi aperti con sistemi versatili e configurabili, capaci di spostare funzioni nello spazio sia pubblico che privato, a servizio di una vita open air.

Per gli spazi interni, il design sposa invece nuovi sistemi pensati per la sanificazione attiva con fotocatalisi e ionizzazione. In Via Tortona 30 i progetti di Icona Design Group nei settori automotive, industrial e product design comprendono una serie di prodotti realizzati in partnership con la Sanixair, azienda attiva nei sistemi di sanitizzazione: il robot multifuzione Ambrogio (in grado anche di sanificare gli ambienti); un innovativo piattino svuotatasche sanificante per gli oggetti che vengono poggiati; Volcano Air, monolite di alluminio controllabile da app.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati