2 per mille

Soldi ai partiti, la classifica 2021: Pd resta primo ma perde terreno, Fdi supera la Lega

I Dem incassano 6,9 milioni. Bene i centristi Italia Viva e Azione che aumentano gli introiti. Il partito di Giorgia Meloni sottrae a Salvini il suo tradizionale secondo posto

di Marco Mobili e Mariolina Sesto

(ANSA)

2' di lettura

Il Pd resta saldamente il primo partito per finanziamento pubblico da due per mille anche nel 2021 (redditi 2020) ma perde ancora terreno (il trend dura già da qualche anno). Ma la novità più eclatante di quest’anno è il sorpasso di Fdi sulla Lega. Quel sorpasso già registrato dai sondaggi ora di riverbera anche nelle scelte dei contrbuenti che hanno deciso di donare ai partiti il 2 per mille della loro Irpef. In generale quest’anno diminuisce lievemente il finanziamento alla politica: si passa dai 18.913.260 euro (il 3,30% dei contribuenti) del 2020 a 18.557.883 euro (3,28%) dei contribuenti nel 2021.

Il Pd, con 6,9 milioni di incassi, è primo ma conferma la frenata

I Dem incassano quest'anno 6,9 milioni e detengono saldamente il titolo di primo partito per incassi da due per mille. Ma perdono sensibilmente terreno rispetto all'anno precedente quando avevano ottenuto 7,4 milioni. E lo scivolone è ancora più pesante se si pensa che l’anno prima, nel 2019 avevano raggiunto quota 8 milioni e più. Il partito di Letta lascia sul terreno oltre 30mila contribuenti in un anno. Facile pensare che una parte di sostenitori si siano spostati su Italia viva. Il partito di Renzi, che è al secondo anno di partecipazione al finanziamento pubblico, continua a crescere, con 807mila uero di incassi (era a 726mila nel 2020) e oltre 47mila opzioni. Ma c’è anche chi fa meglio rispetto a Renzi. È Calenda: la sua Azione porta a casa 882mila euro, circa 80mila euro in più dell’altro partito centrista.

Loading...

Fdi al secondo posto, sorpassa la Lega

La Lega per Salvini premier perde il suo tradizionale secondo posto in classifica. A scipparglielo è Fratelli d’Italia che totalizza quasi 2,7 milioni (500mila euro in più dello scorso anno): in 2 anni il partito di Giorgia Meloni ha più che raddoppiato gli introiti, passando dagli 1,1 milioni del 2019 ai 2,7 milioni di oggi. Quanto alla Lega, come Il Pd, fa un ulteriore passo indietro. E quest’anno si ferma a 1,8 milioni di incassi (perdendo 500mila euro sul 2020 e 1,3 milioni sul 2019).

I partiti di sinistra

Scorrendo ulteriormente la classifica - come da tradizione - spiccano nelle posizioni più in alto molti partiti di sinistra: Articolo 1 che raggranella circa 700mila euro; la Federazione dei Verdi con 574mila euro, pari merito con Rifondazione Comunista e Sinistra Italiana con 504mila euro. Il centrodestra annovera invece Forza Italia con 563mila euro e la Lega Nord per l’indipendenza della Padania con 485mila euro.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti