4/8Mercato dell'arte

La collezione Gurlitt in mostra

Immagine tratta dalla copertina del libro di Meike Hoffmann, Nicola Kuhn, Hitlers Kunsthändler. Hildebrand Gurlitt 1895-1956. Die Biographie Source: C. H. Beck (

Sono due le esposizioni “sorelle” che si inaugureranno simultaneamente nel novembre 2017 con pezzi della famigerata collezione Gurlitt. Per la prima volta saranno esposte opere provenienti dall'appartamento di Monaco del defunto Cornelius Gurlitt (2014), erede di Hildebrand Gurlitt “Hitler's Art Thief”, il ladro d'arte di Hitler.

La prima, che si aprirà il prossimo 2 novembre, sarà Dossier Gurlitt: “Degenerated Art”, Confiscated and Sold, al Kunstmuseum di Berna, Svizzera. Il giorno seguente, 3 novembre, verrà inaugurata Dossier Gurlitt: Nazi Art Theft and Its Consequences, per l'occasione saranno esposte al Bundeskunsthalle di Bonn (Germania) 250 opere delle 1.200 dei Gurlitt.

Il direttore del museo di Bonn, Rein Wolfs, sostiene che la rinnovata attenzione sul tema “darà seguito a nuove richieste di restituzione” anche di opere presenti in mostra. Sul tema “holocaust restitution litigation”, è uscito il 1 agosto il libro dell'avvocato Nicholas O'Donnell dal titolo “A Tragic Fate: Law and Ethics in the Battle over Nazi-Looted Art” in cui l'autore passa in rassegna le principali dispute legali su beni rubati dal periodo post-bellico ai giorni nostri.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti