agcom in campo

La consultazione pubblica


default onloading pic

1' di lettura

Ripartire dai principi di una sana informazione per contrastare il fenomeno dell’hate speech. L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni chiama i fornitori di servizi media audiovisivi e radiofonici, di programmi di informazione e intrattenimento, di piattaforme per la condivisione di video a partecipare alla consultazione pubblica sullo schema di regolamento per il rispetto della dignità umana e della non discriminazione.

Nella delibera n. 25/19 il contrasto all’hate speech parte da dati, insight, esperienze concrete e buone pratiche utili per arrivare a regole efficaci nel combattere posizioni irrispettose e offensive e prevenire forme dirette o indirette di incitamento all’odio basato su etnia, sesso, religione o nazionalità.

Al centro la definizione di hate speech sulla base di alcuni elementi: dal contesto in cui viene pronunciata l’espressione al tono utilizzato, dal bersaglio della discriminazione alla sua reiterazione e al ruolo del giornalista/presentatore.

Regole per l’informazione che passano anche da sanzioni verso trasmissioni televisive o di approfondimento informativo che trattano i fatti in modo da indurre nessi causali non reali.

Nei giorni scorsi, inoltre, l’Agcom ha stipulato una convenzione con l’Istituto sistemi complessi del Cnr per monitorare l’attività sui social e passare in rassegna i contenuti provenienti dai media europei e il comportamento degli utenti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...