Tensioni in Asia

Corea del Nord, ancora un test missilistico nel mar del Giappone

Lo ha riferito il Comando Stato maggiore congiunto di Seul: è la nona dimostrazione di forza di Pyongyang ostentata nel 2022

Corea del Nord, occhiali da sole e giacca militare: Kim Jong Un acclamato come una star

2' di lettura

La Corea del Nord ha lanciato un missile balistico verso il mar del Giappone, a soli quattro giorni dalle elezioni presidenziali sudcoreane del 9 marzo. Lo ha riferito il Comando Stato maggiore congiunto di Seul, secondo cui il test è avvenuto dall’area di Sunan, a Pyongyang, alle 8:48 locali (le 00:48 in Italia), mentre il vettore ha coperto una gittata di circa 270 km toccando un’altitudine massima di 560 km.

La nona intemperanza da inizio anno

L’ultima intemperanza è la nona dimostrazione di forza ostentata dal Nord nel 2022, maturata a meno di una settimana dal test presentato come di sviluppo di un “satellite da ricognizione”, ma che il Sud ha semplicemente classificato come un lancio di missili balistici. Le recenti attività «da parte del Nord rappresentano una minaccia significativa non solo per la comunità internazionale, ma anche per la pace e la stabilità nella penisola coreana», ha affermato il Comando in una dichiarazione. «Esortiamo vivamente il Nord a fermarsi immediatamente», aggiungendo che per i dettagli sul missile, le autorità di intelligence della Corea del Sud e degli Stati Uniti «stanno conducendo un’analisi dettagliata».

Loading...

Seul: dimostrazioni che vanno contro la pace nella penisola

Il Consiglio sulla sicurezza nazionale di Seul ha espresso la sua opposizione al «lancio ripetuto senza precedenti di missili balistici» di Pyongyang, che va contro la pace nella penisola coreana e nella comunità internazionale, ha chiarito l’Ufficio presidenziale in una nota, secondo cui i militari continueranno a «monitorare ancora più a fondo le strutture nucleari e missilistiche della Corea del Nord, come Yongbyon e Punggye-ri».

La condanna del Giappone

Anche il ministro della Difesa giapponese Nobuo Kishi ha condannato la mossa dello Stato eremita, ribadendo che il lancio ha violato le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu decise contro Pyongyang nel corso degli anni. Il test ha segnalato che, indipendentemente dalle elezioni in Corea del Sud fissate per mercoledì, Pyongyang sta andando avanti con i suoi progetti di difesa svelati all’ottavo congresso del Partito dei Lavoratori di gennaio 2021, tra cui una testata ipersonica, un’altra nucleare «di grande livello» e un missile balistico intercontinentale che usa un «motore a combustibile solido».

La strategia di Pyongynang

Alcuni osservatori hanno affermato che il Nord potrebbe rafforzare la sua postura militare, mentre l’attenzione degli Stati Uniti è concentrata sul conflitto armato in Ucraina, invasa dalla Russia. Restano anche le preoccupazioni sul fatto che Pyongyang potrebbe continuare a impegnarsi in atti più provocatori poiché a gennaio ha minacciato di revocare la sua moratoria autoimposta di anni sui test nucleari e missili balistici intercontinentali. Dall’inizio del 2022, Pyongynang ha lanciato diversi missili, compreso uno balistico a raggio intermedio, utilizzando varie piattaforme, come un lanciatore mobile su strada e uno su rotaia. La prova di forza si inserisce anche nelle strategie di Pyongyang di rafforzamento della solidarietà interna quando i negoziati sul nucleare con Washington sono in fase di stallo e i problemi economici continuano ad aggravarsi anche per la pandemia del Covid-19.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti