Il test

La Corea del Nord lancia un missile a 2mila chilometri di altezza e pubblica una foto dallo spazio

Raggiunta l’altezza non trascurabile di 2.000 chilometri dal suolo, il missile, un Hwasong-12, è stato lasciato cadere in mare a 800 chilometri dal punto di partenza

di Leopoldo Benacchio

2' di lettura

La Corea del Nord ha lanciato un nuovo missile balistico, il quarto di questo gennaio 2022, in direzione poco inclinata, ufficialmente per non correre il pericolo di danneggiare qualche Stato vicino in caso di insuccesso del lancio, effettuato da una base vicina ai confini con la Cina, nella provincia di Jagang . Il lancio è avvenuto il 30 gennaio, ma, come d’uso, la Nord Corea ha dato la notizia con 24 ore di ritardo.

Raggiunta l’altezza non trascurabile di 2.000 chilometri dal suolo, il missile, un Hwasong-12, è stato lasciato cadere in mare a 800 chilometri dal punto di partenza, ma prima ha spedito un paio di belle immagini della Terra da quell’altezza giusto per fugare i dubbi: un bel tondo con la Corea al centro. Al lancio non era presente, secondo l’agenzia di Stato, il leader Kim Jong Un e questo può voler dire che si è trattato di un test di funzionamento, piuttosto che di una operazione di esibizione di una nuova tecnologia.

Loading...

Il missile in questione è del tipo terra-terra e l’altezza cui è arrivato, perfetta verticale, conforta l’idea di molti osservatori circa la portata di quest’arma: 4500 chilometri, come dire dal Giappone alla Malesia, dalle Filippine all’isola americana di Guam.

Il test, pare perfettamente riuscito, è il quarto dall’inizio di gennaio, compreso quello di un presunto missile ipersonico, arma particolarmente attuale e temuta, e potrebbe essere il segnale definitivo che la Corea del Nord non intende rispettare più la moratoria imposta dall’Onu sui missili balistici e le armi nucleari, che possono essere montate su questa serie, che vede anche gli ancora più preoccupanti Hwasong 14 , portata 10.400 chilometri, e il Hwasong 15, portata 13.000 chilometri.

Sembra insomma che il piano quinquennale annunciato dal leader del Paese asiatico all’Ottavo congresso del Partito a gennaio sia in perfetto svolgimento: sviluppo di satelliti militari di sorveglianza terrestre e spaziale, missili ipersonici, droni intelligenti.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti