Covid

La corsa di Omicron 2 in Italia, ecco dove risulta ormai prevalente

Nelle rilevazioni campionarie la Delta appare ormai scomparsa, per la Ba.2 la media nazionale è al 44,1%

di Nicola Barone

Covid, Iss: "I casi salgono ma gli ospedali tengono"

2' di lettura

Ormai la corsa di Omicron in Italia prosegue incontrastata. Al 7 marzo scorso la variante era predominante, con una prevalenza stimata al 99,9% e una variabilità regionale tra il 99,2% e il 100%. Sempre secondo i risultati dell’ultima indagine rapida condotta da Iss e ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler, il sottolignaggio Ba.2 (pari al 44,1%), è stato riscontrato nella quasi totalità delle Regioni e delle Province autonome. Si tratta del principale indiziato della nuova fiammata nei contagi in larga parte del mondo, a causa della sua elevata trasmissibilità rispetto al ceppo originario.

L'ANDAMENTO DELLE VARIANTI
Loading...

Le Regioni a più ampia diffusione

«Questi risultati, per quanto non privi di limiti e bias, permettono di stabilire l'ormai assoluta predominanza della variante Omicron nel nostro Paese, in linea con quanto già segnalato in altri Paesi europei», segnalano i ricercatori nel Report. In particolare sul piano territoriale la Liguria (79,7%) la Provincia autonoma di Bolzano (75%) e l’Umbria (65) figurano con i numeri di Omicron 2 più alti. A seguire, sopra la metà del campione in termini percentuali, la Lombardia (62,5), Friuli Venezia Giulia (59,1), Emilia Romgana (58,3) e Piemonte (54,5). Dalla stessa indagine si può verificare che la Delta è scomparsa praticamente ovunque, ad eccezione di casi sporadici riscontrati in Lombardia e Toscana.

Loading...

I criteri di rilevazione

Ai fini dell’indagine è stato chiesto ai laboratori delle Regioni e Province autonome di selezionare dei sottocampioni di casi positivi e di sequenziare il genoma del virus. Il campione richiesto è stato scelto dalle Regioni e Province in maniera casuale fra i campioni positivi garantendo una certa rappresentatività geografica e, se possibile, per fasce di età diverse. In totale hanno partecipato all'indagine 117 laboratori e il Laboratorio di sanità militare, sequenziando 1.984 campioni.

Non evidenze di maggiore gravità

Per quanto la dimamica del coronavirus attuale sia in fase di risalita, almeno nella quantità dei contagi notificati, mancano segnali significativi di allerta. «Per i dati finora disponibili non si evidenzia una differenza nella gravità della malattia associata ai due sottolignaggi Ba.1 e Ba.2», ha spiegato il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro. Nondimeno «è importante continuare a monitorare con grande attenzione la circolazione di queste varianti». Il rimbalzo di Covid negli Stati Uniti probabilmente non rappresenterà un aumento su vasta scala o non richiederà il rinnovo delle restrizioni ritirate secondo la previsione di Anthony Fauci, consigliere medico capo di Biden. «Speriamo di non vedere un’impennata. Non credo che lo faremo».

Tasso positività al 16,3%, -4 terapie intensive

Sono 60.415 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, in base al resoconto giornaliero del ministero della Salute, contro i 74.024 di sabato 19. Le vittime sono invece 93 (ieri erano state 85). Il tasso di positività è al 16,3% (370.466 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati), in crescita rispetto al 15,48% precedente. Ammontano invece a 467 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 4 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 29. I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.430 (8.319), ovvero 111 in meno.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti