Next Generation Eu

La Corte costituzionale tedesca blocca la ratifica del Recovery fund

Il presidente federale non potrà firmare il provvedimento fino alla sentenza, chiesta con procedura d’urgenza dall’economista Bernd Lucke, protagonista anche di precedenti ricorsi

default onloading pic

2' di lettura

Uno stop inatteso e indesiderato al Recovery fund. La Corte suprema tedesca ha imposto al presidente della repubblica Frank-Walter Steinmayer di non ratificare la legge di ratifica al fondo europeo per la ripresa, fino a quando la corte non avrà esaminato la legittimità costituzionale del provvedimento, già approvato dalle due camere tedesche, il Bundestag e la Bundesrat.

L'economista di estrema destra Bernd Lucke, fondatore della AfD – partito dal quale è poi uscito – e poi della Lkr (RIformatori liberalconservatori) ha presentato - insieme ad altri 2.200 cittadini, organizzati nel movimento politico Bündnis Bürgerwille - un ricorso di urgenza che ha reso necessario il blocco. Il comunicato della Corte suprema non dà indicazioni dei tempi necessari per una sentenza, ma una decisione ad interim potrebbe essere presa in tempi brevi. Lucke e il Bündnis Bürgerwille avevano contestato anche il quantitative easing della Bce.

Loading...

Non è infatti la prima volta che la Corte di Karlsruhe ha tentato di bloccare iniziative di integrazione monetaria e finanziaria europea, in quanto potrebbero chiamare i contribuenti tedeschi a rispondere di decisioni prese da altri governi. Anche in questo caso la motivazione principale del ricorso è nell’argomento secondo cui i paesi deboli dell’Unione europea potrebbero non rimborsare la loro quota di debito costringendo la Germania di farsi carico di somme di valore incerto ma comunque giudicato molto elevato.

Con motivazioni simili, poco meno di un anno fa, a maggio 2020, l'organismo costituzionale tedesco ha chiamato la Bce a giustificare la proporzionalità degli acquisti di titoli effettuati attraverso il quantitative easing. Come conseguenza della sentenza sarebbe stato in astratto possibile vietare alla Bundesbank, la banca centrale tedesca, di partecipare al programma, con effetti però limitati sulla politica economica complessiva di Eurolandia.

La sentenza, di fatto superata dal lancio del programma pandemico Pepp – che la stessa Corte escludeva dalla decisione – è anche rimasta lettera morta. Prevedeva, tra l'altro, che vendesse i titoli acquistati attraverso il quantitative easing. La Bce, come istituzione comunitaria, risponde però alla sola Corte europea di giustizia che nel 2018 - chiamata a intervenire dalla stessa Corte costituzionale tedesca - aveva definito legittimi gli acquisti.

Il ministro delle Finanze Olaf Scholz ha detto di essere fiducioso di un rapido via libera. «È chiaro - ha detto - che l’autofinanziamento dell’Europa con mezzi propri sia ben radicato su un fondamento stabile, sia a livello costituzionale, sia a livello europeo».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti