La timeline delle tensioni

La crisi come dentro un film: la giornata drammatica del governo ora per ora

Dalla bocciatura della mozione No Tav dei 5 Stelle al comizio di Salvini a Sabaudia si è aperta una fase diversa, sfociata nelle ore convulse di giovedì 8 agosto. Ecco le battute salienti che l’hanno caratterizzata


default onloading pic
Conte, Di Maio e Salvini, protagonisti di una giornata che apre le porte a una crisi di Governo (Ansa)

3' di lettura

La spaccatura profonda nel cuore del governo giallo-verde andata in scena in Senato con la bocciatura della mozione No Tav a firma 5Stelle, è diventata una voragine mercoledì sera a Sabaudia. Dove la tenuta dell’esecutivo ha traballato con il comizio di Matteo Salvini. Il vicepremier e ministro dell’Interno ha detto che con gli alleati «negli ultimi mesi qualcosa si è rotto». E pur sostenendo che mai gli uscirà «una parola negativa su Di Maio o Conte», ha escluso «rimpastini o rimpastoni».

Quindi, per il governo si è aperta una fase diversa, sfociata nelle ore convulse di giovedì 8 agosto. Ecco il film della giornata.

ORE 8.30 - Di Maio annulla tutti gli appuntamenti previsti, «per impegni istituzionali».
ORE 11 - Incontro tra il capo politico del Movimento 5 Stelle e i capigruppo D’Uva e Patuanelli a Palazzo Chigi.
ORE 11.29 - Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli dichiara: «Non andare avanti significa tradire il mandato».
ORE 11.53 - Di Maio su Fb: «I giochini di palazzo non ci sono mai piaciuti, questo dibattito sulle poltrone inizia a stancarmi». Poi guarda al futuro: «Il 9 settembre taglieremo definitivamente 345 parlamentari. Mi auguro che nessuno si tiri indietro all’ultimo minuto».
ORE 13 - Il premier Giuseppe Conte sale al Quirinale.
ORE 13.50 - Il sindaco di Torino Chiara Appendino dà ragione a Beppe Grillo: «È legittimo che qualcuno sia arrabbiato, ma in Parlamento non abbiamo la maggioranza».
ORE 14.44 - Un flash dell’Ansa riferisce il contenuto di una nota della Lega che parla di voto anticipato: «L’Italia ha bisogno di certezze e di scelte coraggiose e condivise, inutile andare avanti fra no, rinvii, blocchi e litigi quotidiani. Ogni giorno che passa è un giorno perso, per noi l’unica alternativa a questo governo è ridare la parola agli italiani con nuove elezioni». E ancora: «Tra Lega e 5 Stelle ci sono visioni differenti. Il voto di ieri sulla Tav è solo l’ultima, irrimediabile certificazione».
ORE 15.31 - La Lega smentisce indiscrezioni secondo cui Matteo Salvini avrebbe chiesto le dimissioni del premier Giuseppe Conte.
ORE 15.40 - In un comunicato i 5 Stelle dichiarano: «La nota della Lega è incomprensibile. Dicano chiaramente cosa vogliono fare. Siano chiari».
ORE 16.53 - Matteo Salvini a Palazzo Chigi per un vertice di
un’ora con il premier Conte.
ORE 17.08 - Anche Di Maio a Palazzo Chigi. Secondo il suo staff,
al lavoro nel suo ufficio.
ORE 17.14 - Il presidente della Camera Roberto Fico al Quirinale per incontrare Mattarella.
ORE 19.23 - Di Maio esce da Palazzo Chigi per un caffè e risponde ai cronisti: «Sono tranquillo, stiamo lavorando per il Paese. Colloqui in corso ma io sono pagato per lavorare per gli italiani. Eventuale discussione della crisi in Parlamento? Non ragiono con i se».
ORE 19.55 - Il capo della Carroccio in una nota: «Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c’è più una maggioranza, e restituiamo velocemente la parola agli elettori. L’ho ribadito oggi al Presidente Conte. Inutile andare avanti a colpi di no e di litigi, come nelle ultime settimane, gli italiani hanno bisogno di certezze e di un governo che faccia, non di Signor No. Non vogliamo poltrone o ministri in più, non vogliamo rimpasti o governi tecnici: dopo questo governo (che ha fatto tante cose buone) ci sono solo le elezioni». Indiscrezioni parlano di contatti tra Di Maio e Fico in giornata.
La crisi ora sembra essere conclamata.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...