NUOVO SERVIZIO DI DELIVERY 

La Cucina Italiana si trasforma in dark kitchen

La rivista di riferimento per gli amanti della buona tavola ha attivato un servizio di consegna di piatti pronti a domicilio preparati a Milano nei laboratori frequentati dagli aspiranti chef

di L.Ben.

default onloading pic
Una proposta di piatto per la consegna a domicilio della Cucina italiana

La rivista di riferimento per gli amanti della buona tavola ha attivato un servizio di consegna di piatti pronti a domicilio preparati a Milano nei laboratori frequentati dagli aspiranti chef


2' di lettura

Cena con amici, occasioni speciali? Le ricette della rivista della “Cucina Italiana” sono sempre state la guida ideale per non fare brutta figura a tavola, anche per chi non ha dimestichezza con i fornelli. Ora lo sono anche di più visto che senza sporcare una pentola si possono ordinare piatti pronti da consumare a casa propria con un semplice tap sullo smartphone. Il mensile per chi ama la buona cucina, dopo essere diventato anche una scuola per apprendisti chef, debutta con un nuovo servizio di consegna a domicilio. Grazie alla spinta data al settore dal lockdown, i laboratori Piazzale Cadorna a Milano, dove solo lo scorso anno diecimila persone sono stati iniziate ai segreti dell’arte dei sapori, si trasformano in dark kitchen per il nuovo business “Pronta in tavola”.

Accanto alle proposte dei ristoranti veri e propri dal 22 giugno sulla piattaforma Deliveroo si possono ordinare, dal lunedì al sabato dal pranzo alla cena, menù combo o insalatone per una pausa veloce o tanti piatti diversi da scegliere tra antipasti, primi, secondi e dolce. Spazio anche all’aperitivo, che la pandemia ha convertito in rito casalingo, che è stato pensato in collaborazione con Pasticceria San Carlo e prevede la consegna di cocktail accompagnati da diversi stuzzichini come i bignè con spuma al tonno, i tramezzini mignon ele tartellette di pasta brisè. Le pietanze verranno recapitate dai rider calde all'interno di un packaging sostenibile, interamente compostabile e riciclabile.

I menù verranno aggiornati periodicamente seguendo l'evolversi delle stagioni,con la presenza di piatti della tradizione. Nel menù spiccano oltre i classici estivi come la tartare o il vitello tonnato anche piatti più elaborati e corposi grazie alla collaborazione con gli chef Maurilio Garola e Paolo Dalla Mora dell’Osteria Campamac. Con un click si possono ordinare due proposte tipiche piemontesi: gli agnolotti del Plin ai 3 arrosti e le lasagne con salsiccia di Bra cotta nel Barbaresco.


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti