La mappatura

La denuncia dell’Uif: sospetti legami mafiosi per 150mila imprese

di Ivan Cimmarusti

(AdobeStock)

2' di lettura

Oltre 150mila società potrebbero essere «connesse a contesti di criminalità organizzata».

Un quadro desolante quello che emerge dalla relazione annuale dell’Uif, l’ente antiriciclaggio di Bankitalia diretto da Claudio Clemente. La mappatura delle attività finanziarie illecite ha portato l’Unità a passare al setaccio le imprese «opache», quelle che anche nell’anno della pandemia hanno inquinato il tessuto produttivo.

Loading...

Lo studio, in via sperimentale, è partito dalle informazioni anagrafiche di tutte le società iscritte al registro delle imprese e dei rispettivi esponenti - circa 14 milioni di soggetti -, incrociate con Radar, una super banca dati che contiene Sos (Segnalazioni per operazioni sospette), scambi informativi con la Direzione nazionale antimafia (Dna) e richieste di informazioni della magistratura.

A novembre 2020 le imprese potenzialmente connesse a contesti di criminalità organizzata sono 150mila. La maggior parte delle quali è situata al Sud e nelle Isole (41,9%), ma quote significative operano anche nel Nord (36,2) e nel Centro (21,9%), in linea con le più aggiornate evidenze investigative sia della Guardia di finanza sia dei Carabinieri del Ros. L’incidenza locale delle imprese mappate, sul totale di quelle iscritte al Registro provinciale, tende a essere maggiore nelle province del Sud, con picchi in Calabria, Campania e Sicilia. Nel Centro-Nord le province più interessate sono Roma, Milano, Brescia e Reggio Emilia. Le società incluse nella mappature appartengono a diversi gruppi:

1. le imprese segnalate in Sos riferibili a contesti mafiosi, ricevute tra gennaio 2016 e settembre 2020;

2. gli amministratori e gli altri esponenti aziendali riportati nelle stesse Sos;

3. gli amministratori e gli altri esponenti aziendali risultati di interesse sulla base dello scambio informativo con la Dna, soggetti indagati per mafia.

Stando alle rielaborazioni, le imprese finite nella mappatura non posso essere considerate con certezza infiltrate, controllate o collegate alla criminalità organizzata. Circostanza, questa, che potrebbe essere accertata solo a livello investigativo e giudiziario.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti