ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa riunione di novembre

La Fed e la sfida dei mercati: chi ha ragione sulla prossima «stretta»

Il meeting del Fomc dovrà rispondere alle attese degli investitori che, di fronte al surriscaldamento dei prezzi, immaginano tassi più alti in tempi più stretti

di Riccardo Sorrentino

Frena il Pil Usa, Bce in trincea sul rischio-prezzi

3' di lettura

I mercati hanno fretta, la Fed un po' meno. Le condizioni dell'economia statunitense, malgrado un bilancio vaccinale non ancora ottimale, permettono già di guardare ai prossimi rialzi dei tassi, e i mercati puntano a una piccola stretta già a giugno, con almeno due altri piccoli rialzi prima della fine del 2022. La riunione del Comitato di politica monetaria, il Fomc - oltre a varare, probabilmente, il tapering, il piano di riduzione degli acquisti di titoli pandemici - permetterà di capire che, con tutta probabilità, gli investitori corrono troppo.

Quando il primo rialzo dei tassi?

I “dots” – i puntini che riflettono, nel grafico pubblicato ogni tre mesi, le intenzioni dei singoli governatori sul costo del credito – puntavano a settembre a un solo rialzo, allo 0,25-0,50%, l'anno prossimo (con qualche incertezza) e a due-tre ritocchi nel 2022, quando il costo del credito ufficiale potrebbe raggiungere l'un per cento (la mediana delle proiezioni. Sono indicazioni non vincolanti, frutto della mera aggregazione di diciotto previsioni diverse, e saranno in ogni caso aggiornate a dicembre. In questa occasione, si potrà soltanto capire come la Fed interpreta l'andamento dell'economia.

Loading...

La frenata del Pil

IL PRODOTTO INTERNO LORDO DEGLI STATI UNITI
Loading...

Qualcosa è infatti cambiato. Il prodotto interno lordo del terzo trimestre è apparso in rallentamento rispetto ai mesi precedenti. Non inganni il mero confronto tra le velocità del rimbalzo: l'economia statunitense ha già superato il livello pre-pandemia, e si è riportato in linea con la tendenza di lungo periodo. In un certo senso, si potrebbe pensare – e sarà interessate capire se la Fed condivide questa ipotesi – che l'aattività economica sia tornata alla normalità.

Occupati in ritardo

NUMERO DEGLI OCCUPATI NON AGRICOLI
Loading...

È tempo di normalizzare anche i tassi, allora? Hanno ragione i mercati? Non è detto. La Fed non guarda al pil, se non in maniera indiretta: guarda all'occupazione, che è esplicitamente citata nel suo mandato. Vista da questo punto di vista, non si può dire che l'economia Usa sia tornata alla normalità, e tantomeno ai livelli prepandemici. Quasi cinque milioni di posti di lavoro mancano all'appello, e se si ricorda l'attenzione che il presidente Jerome Powell dedica ai molti aspetti del mercato del lavoro, alla diseguale distribuzione nelle diverse comunità razziali, si comprende che la Fed non è ancora del tutto soddisfatta del rimbalzo. È aumentata la produttività, quindi – ottima cosa, ovviamente - ma l'occupazione è in ritardo.

La fiammata dell’inflazione

INFLAZIONE USA - INDICE PCE
Loading...

L’inflazione, ovviamente, preoccupa un po' di più. Generata come sembra– ma vanno ricordate le polemiche di chi critica doppio stimolo fiscale e monetario – dalle strozzature sul lato dell'offerta, non dovrebbe preoccupare la banca centrale, a meno che non si riversi anche sulle aspettative. Gli ultimi dati dell'indice Pce indicano prezzi in aumento del 4,4% con una core inflation al 3,6%: i rialzi sono quindi più generalizzati rispetto a quanto avviene durante un rincaro energetico e potrebbe quindi alterare le attese.

Aspettative dei prezzi sotto controllo

ASPETTATIVE DI INFLAZIONE
Loading...

Le misure di mercato delle aspettative sui prezzi – verso le quali, peraltro, la Fed nutre una fiducia molto prudente – mostrano che gli investitori puntano a un'inflazione ancora accelerata in un orizzonte temporale di cinque anni – quasi il 3% - mentre nei dieci anni e più sembrano prevedere un lento ritorno verso l'obiettivo. È una situazione che richiede grande attenzione da parte della Fed, ma non impone di per sé una corsa verso la stretta.

Condizioni monetarie molto espansive

L’INDICE FED CHICAGO DELLE CONDIZIONI FINANZIARIE
Loading...

È vero però che le condizioni finanziarie, misurate dall'indice della Fed di Chicago – che prende in esame un centinaio di indicatori – sono diventate ancora più espansive, in un momento in cui la situazione evolve comunque verso una normalizzazione. I prezzi delle case sono ancora in rialzo, la correzione della Borsa – che la Fed osserva attraverso le lenti dell'indice Wilshire 5000 – è stata presto interrotta e le quotazioni hanno ripreso a crescere. Soprattutto, restano al di sotto dei livelli di giugno i rendimenti a lunghissima scadenza. La curva è salita nelle ultime settimane. In particolare nella parte a lungo periodo, quella legata al finanziamento dell'economia, mentre resta a livelli piuttosto bassi nella parte a breve, più direttamente legata alla politica monetaria.

Il senso della Fed

È soddisfatta la Federal reserve di questa situazione? La conferenza stampa di Powell servirà a capire con maggior precisione – malgrado i difetti di comunicazione mostrati nel tempo dalla “sua” Fed – come si sta orientando la politica monetaria. Il nodo, ovviamente, sono le aspettative di mercato sui tassi, così in anticipo rispetto a quelle che, almeno a settembre, sembravano le intenzioni della banca centrale Usa. Lascerà correre, Powell, preparando un ulteriore piccolo passo verso l'inizio della normalizzazione, oppure cercherà di correggere (indipendentemente dal successo che potrà avere) le attese? Attorno a questo interrogativo si giocherà la riunione di novembre.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti