LA NUOVA fEDERAL RESERVE

La Fed di Powell: continuità sui tassi, flessibilità sulle regole

di Riccardo Sorrentino

Jerome Powell (Reuters)

3' di lettura

Un avvocato alla guida della Federal reserve. È questo il vero elemento di discontinuità nella decisione di Donald Trump di nominare Jerome H. Powell alla presidenza della Federal reserve. Perché “Jay” Powell è, dopo decenni, il primo governatore non economista alla guida della politica monetaria statunitense.

Il salvatore della Salomon Brothers
Powell ha un profilo molto diverso da quello dei predecessori. Laureato in Politics alla Princeton University, è poi diventato Juris Doctor alla Georgetown University: un curriculum di studi, quest’ultimo, che non prevede in genere una specializzazione in economia. È stato quindi avvocato e poi banchiere di investimenti nel settore finanziario: è subito diventato associato nella banca di investimenti Dillon, Read & co., poi acquisita dalla svizzera Sbc prima della fusione con la Ubs, e nel ’95 è passato al Carlyle group, uno dei più grandi gruppi finanziari nel mondo. È stato poi assistente segretario e sottosegretario al Tesoro durante la presidenza di George Bush padre, occupandosi delle istituzioni finanziarie e in quella funzione contribuì al salvataggio della Salomon Brothers coinvolta dallo scandalo dei Treasury Bonds: aveva tentato di aggirare il sistema che imponeva limiti all’acquisto da parte di ciascun istituto ammesso al mercato primario.

Loading...

Quarant’anni di economisti
Per trovare un giurista alla guida della Fed occorre tornare indietro a George William Miller, rimasto in carica per cinque mesi nel 1978. Miller prese il posto di Arthur Burns, l’economista che guidò la Fed dopo il “regno” ventennale di Bill Martin (che aveva studiato inglese e latino...). Dopo Miller, e per 40 anni, al vertice della banca centrale sono stati scelti solo economisti, alcuni dei quali accademici: Paul Volcker, che iniziò la sua carriera come ricercatore alla Fed di New York, poi Alan Greenspan, Ben Bernanke e infine Janet Yellen.

Poche novità in politica monetaria
Non sorprende allora che Powell – che pure si è guadagnato, sembra, il rispetto dello staff economico della Fed – sia molto più attento ai temi della struttura del sistema finanziario che alla politica monetaria. Le sue posizioni in questo ambito, riassunte in un discorso all’Economic Club di New York, a giugno, non presentano una particolare originalità: «Se l’economia continuerà a muoversi come previsto, penserei che sia appropriato continuare ad alzare gradualmente i tassi», disse in quell’occasione.

Un profilo bassissimo
I Fed Watcher, gli analisti che seguono la banca centrale Usa, pensano che sotto la sua guida i rialzi dei tassi potrebbero leggermente accelerare, ma senza strappi. Questo orientamento fa apparire la sua nomina come una scelta di continuità: il presidente non ha mai votato, del resto, in dissenso con la maggioranza e ha decisamente mantenuto un profilo bassissimo. Anche se – appena nominato - sembra sia stato scettico, in privato, sul lancio della terza fase del quantitative easing da parte di Ben Bernanke.

Contrario ai pesi inutili...
Sarebbe sbagliato pensare a Powell, come a una quinta colonna di Trump all’interno della banca centrale. L’attuale amministrazione vorrebbe una nuova liberalizzazione del sistema finanziario, dopo l’irrigidimento delle regole previste dal Dodd Frank Act. Il nuovo presidente della Fed, provenendo dalla finanza, è sicuramente contrario ai pesi inutili imposti dalle regolamentazioni del dopo crisi e da quelle più rigide imposte in questi anni dalla stessa Fed .

...ma favorevole alle regole del dopo crisi
È però convinto che le regole introdotte nel dopo crisi abbiano reso più resiliente il sistema bancario americano. «Requisiti di capitale più rigidi - ha per esempio detto a giugno in un’audizione al Senato - aumentano i costi per le banche e almeno alcuni di questi costi sono trasferirit ai clienti. Ma nel più lungo termine, requisiti prudenziali più forti per le grandi aziende bancario produrranno una maggiore disponibilità di credito e una più alta crescita economica».

Attenzione alle dimensioni delle banche
La sua attenzione sembra essere rivolta soprattutto al tema delle dimensioni delle aziende di credito. Per le più piccole, alcune regole possono introdurre pesi eccessivi e Powell sembra dunque favorevole a renderle meno stringenti. Più severo è spesso apparso verso le grandi banche. «In ogni caso – disse nel 2013 in un discorso all’Institute of International Bankers – il fenomeno degli istituti “troppo grandi per fallire” deve finire, anche se questo dovesse comportare misure più invadenti».Ad aprile di quest’anno, Powell è stato quindi designato alla guida del comitato che vigila sulle banche “troppo grandi per fallire”, al posto di Daniel Tarullo.

Un repubblicano alla Fed
Repubblicano, Powell è stato nominato nel board della Fed nel 2011 dal democratico Barack Obama, che cercava un sostegno bipartisan anche per Jeremy C. Stein - che è poi tornato a insegnare economia ad Harvard - e ha iniziato il suo mandato nel maggio del 2012. È stato riconfermato nel giugno 2014 per un incarico destinato a concludersi a fine gennaio del 2028. Assumerà la presidenza a inizio febbraio 2018.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti