ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa riunione di marzo

La Fed tenta di frenare i rendimenti, dopo il maxipiano per la crescita di Biden

Il balzo delle aspettative di inflazione e quindi dei rendimenti non ha intaccato le condizioni finanziarie, che restano espansive ma minacciano di contrastare la politica monetaria espansive

di Riccardo Sorrentino

Nel 2021 crescerà il peso dei bilanci delle banche centrali sul PIL

4' di lettura

Ora è il momento giusto. Il congresso Usa ha varato il maxipiano di stimolo da 1.900 miliardi voluto dall’Amministrazione Biden e i primi assegni destinati direttamente alle famiglie – contrariamente a quanto accadrà nell’Unione europea – stanno già arrivando. A marzo, come ogni tre mesi, la Fed fa elaborare, a ciascuno dei componenti del Comitato di politica monetaria (il Fomc) le proiezioni economiche. La riunione di marzo della banca centrale Usa avrà allora il compito di far capire agli investitori quale sia il vero rischio di inflazione negli Stati Uniti.

Prezzi in tensione?

Gli investitori si attendono una fiammata dei prezzi, legata al maxipiano. Le misure di mercato sulle aspettative di inflazione sono chiare: sono tutte in salita ma, in modo non certo consueto nell’ultimo periodo, le misure con un orizzonte temporale più breve hanno raggiunto un livello più elevato rispetto alle altre. Segno che gli operatori si aspettano prezzi in tensione nel medio periodo e successivamente un allentamento delle pressioni.

Loading...
LE ASPETTATIVE DI INFLAZIONE DI MERCATO
Loading...

Aspettative oltre il 2%

L’inflation rate swap 5y-5y, che punta al periodo 2026-2031 – i cinque anni che iniziano tra cinque anni – indicano ora il 2%, che coincide con l’obiettivo di inflazione (media, negli Usa), ma i break even a 10 anni indicano il 2,26%, che è una prima soglia di tolleranza della Fed, e i break even a 5 anni puntano al 2,50 per cento. Allo scoppio della pandemia, i tre strumenti finanziari indicavano rispettivamente lo 0,75%, lo 0,50% e lo 0,14 per cento. A inizio gennaio erano tutti vicinissimi al 2%. Il rialzo è evidente.
La Fed tende a usare un’altra misura delle aspettative di inflazione, il Cie, Common index of expectation, che però viene aggiornato ogni tre mesi. Il dato di dicembre non segnala particolari incrementi, ma deve essere considerato “superato” dagli eventi. L’indice della Fed di Cleveland – aggiornato al 12 marzo – punta invece all’1,48% nell’orizzonte temporale dei dieci anni ed è quindi più moderato delle misure di inflazione (sulle quotazioni incide l’aumento del premio al rischio), ma ad aprile e maggio lo stesso indice era all’1,16 per cento.

LA CURVA DEI RENDIMENTI DAL 2020
Loading...

Rendimenti in rialzo

L’aumento delle aspettative di inflazione si è soprattutto accompagnato a un deciso rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato, che rappresentano – in quanto considerati risk-free – un punto di riferimento per tutta la struttura dei tassi. A partire dalle durate dei 2-3 anni, si è assistito a un rapido balzo. I dieci anni sono passati dall’1,05% del 25 gennaio – il giorno precedente la precedente riunione del Fomc – all’1,64%; i trentennali dall’1,8% al 2,4%. C’è quindi il rischio che le condizioni finanziarie possano irrigidirsi, contrastando in questo modo gli sforzi della Federal reserve di mantenere un orientamento espansivo.

L'INDICE DELLA FED DI CHICAGO SULLE CONDIZIONI FINANZIARIE
Loading...

Condizioni finanziarie stabili

Le condizioni finanziarie calcolate della Fed di Chicago – tenendo conto di più di 100 indicatori diversi – non mostra però particolari tensioni. L’indicatore è rimasto ai livelli molto bassi – ma non bassissimi, in un orizzonte di lungo periodo - raggiunti dopo l’introduzione della politica monetaria pandemica. Segno che la catena di trasmissione non risente (ancora?) del mutato orientamento del mercato. La Fed, quindi, ha la possibilità di intervenire in maniera ponderata e non è costretta a inseguire i mercati.

DOLLARO, CAMBIO EFFETTIVO
Loading...

Frena la flessione del dollaro

Anche il dollaro, che è uno degli elementi della definizione “ristretta” (da libro di testo) delle condizioni monetarie e finanziarie, non dà particolari preoccupazioni. Il rialzo dei rendimenti non ha interessato la porzione a breve termine della curva , che peraltro si è irrigidita – per “imitazione” – anche la struttura dei tassi di altre aree economiche (come Eurolandia). Il cambio effettivo ha così interrotto la flessione iniziata a marzo, ma non ha neanche accennato a un vero rialzo.

L'INDICE DELLA FED DI CHICAGO SULLE CONDIZIONI FINANZIARIE
Loading...

Prosegue il rialzo dell’azionario

Continua intanto il rialzo delle Borse, elemento importante negli Usa per il finanziamento delle imprese (ma anche delle famiglie). L’indice Wilshire 5000, il più ampio e più importante per la Fed continua la sua marcia rapidissima verso l’alto e continua a segnalare il rischio di un’inflazione finanziaria alimentata da tassi bassi in un lungo periodo. È una situazione che richiede attenzione: l’irrigidirsi delle condizioni finanziarie potrebbe scatenare una brusca inversione di tendenza dell’azionario che, a sua volta, le renderebbe ancora più rigide. Al momento, però, mancano segnali che si vada in questo senso.

Il ruolo delle proiezioni

La Fed, nella sua riunione di marzo e nella conferenza stampa di mercoledì sera non potrà quindi ignorare andamenti così decisi dei mercati finanziari ma non avrà alcuna fretta di intervenire. È molto probabile che, come nel recente passato, tenda a considerare transitori i rialzi dei rendimenti, che pure saranno monitorate attentamente, affidando alle proiezioni economiche e ai “dots”, i punti del grafico che riassume le proiezioni sull’andamento dei tassi ufficiali, il ruolo di raffreddare le aspettative di inflazione.

Una scelta non facile

Non è una scelta facile: come hanno sottolineato diversi economisti, le previsioni del mercato di una fiammata dell’inflazione non sono ingiustificate, anche se sono solo un evento probabile. Un errore nella comunicazione e quindi nella strategia potrebbe peggiorare le cose. La Fed, al momento, sembra aver conservato la propria credibilità: le aspettative di inflazione restano in un ambito ragionevole, ampiamente controllabile dalla politica monetaria senza torsioni troppo brusche.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti