Un anno dopo le elezioni

Flat tax, prende quota l’aliquota Irpef unica al 20%

di Marco Mobili e Giovanni Parente

Fisco, Salvini: entro febbraio proposta Lega su detassazione


2' di lettura

Flat tax ancora per pochi. Un anno fa in piena campagna elettorale, la Lega proponeva una tassa piatta al 15% per tutti con un costo non inferiore ai 40 miliardi mentre il M5S puntava a una riduzione a tre aliquote dell'Irpef. Il punto d'incontro è stato raggiunto a metà maggio con la firma del contratto di governo con un'ipotesi di dual tax, ossia due aliquote fisse al 15% e al 20% per persone fisiche, partite Iva, imprese e famiglie (per queste ultime si delineava una deduzione fissa di 3mila euro sulla base del reddito del nucleo).

VAI AL DOSSIER. 4 marzo 2019, cosa è cambiato a un anno dalle elezioni

Le priorità di reddito e pensioni
La realtà dei conti pubblici e le priorità di Governo e maggioranza, che hanno preferito puntare subito su reddito di cittadinanza e quota 100 per le pensioni, hanno portato a rivedere il cronoprogramma.
Con la legge di Bilancio 2019, infatti, la madre di tutte le riforme fiscali in grado di rilanciare consumi e crescita si è trasformata in un ampliamento del regime forfettario istituito dal Governo Renzi e riservato solo a chi ha una partita Iva. Per il resto, pensionati e dipendenti inclusi, la possibilità di avere solo due aliquote Irpef una del 15% fino a 80mila euro di reddito e l'altra del 20% oltre tale soglia, come ipotizzato nella bussola dell'Esecutivo gialloverde, è al momento in lista d'attesa.
A conti fatti, potrebbero essere quasi 2 milioni le partite Iva a sfruttare il nuovo regime forfettario.

GUARDA IL VIDEO. Flat tax, l’annuncio di Salvini

Il doppio intervento per le partite Iva
In realtà, l'ultima manovra sempre limitatamente alle partite Iva tratteggia il meccanismo delle due aliquote. Oltre all'estensione del forfettario con prelievo al 15% per ditte e professionisti con ricavi o compensi fino a 65mila euro già operativo dal 2019, viene istituto un secondo regime che scatterà solo dal 2020 con un'aliquota al 20% nel caso di ricavi o compensi tra 65.001 e 100mila euro.

La riduzione della prima aliquota al 20%
Ma da dove si potrebbe ricominciare? L'avvicinarsi della campagna elettorale per le europee ha riaperto il cantiere (degli interventi e delle promesse). Più volte la Lega ha rilanciato l'idea di tagliare da subito la prima aliquota Irpef dal 23% al 20% e progressivamente di arrivare all'aliquota unica proprio su questo livello. Se così fosse, risulterebbe superato quanto previsto nel contratto di governo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti