ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùl’analisi

Svolta Bce, la flessibilità ora valga per tutti

L’auspicio è che nelle altre sedi della vigilanza europea si applichino le norme tenendo conto delle esigenze specifiche dei soggetti vigilati, soprattutto nelle delicate fasi di ristrutturazione aziendale

di Marco Onado

default onloading pic

L’auspicio è che nelle altre sedi della vigilanza europea si applichino le norme tenendo conto delle esigenze specifiche dei soggetti vigilati, soprattutto nelle delicate fasi di ristrutturazione aziendale


2' di lettura

L’orientamento della Bce di accordare a Deutsche Bank una certa flessibilità in materia di requisiti di capitale è una doppia buona notizia nel tormentato panorama del sistema bancario europeo.

Innanzitutto perché in qualche modo si riconosce che il severo piano di ristrutturazione varato dalla banca quest’estate (uscita dall’investment banking, arroccamento intorno al core business domestico, riduzioni di costi per 1,4 miliardi, taglio di 18.000 dipendenti) non solo è l’unico possibile dopo anni di scelte strategiche ondivaghe, ma sta cominciando a dare frutti. Non a caso quel piano di ristrutturazione è stato definito il più importante dell’ultima generazione.

Loading...

Si badi che la flessibilità è applicata all’interno della valutazione sui requisiti di capitale che viene condotta caso per caso: non c’è dunque alcuno “sconto” su regole di carattere generale. E se questo contribuisce a mettere il gigante tedesco dai piedi d’argilla sulla giusta rotta, ne guadagna la stabilità dell’intera area dell’euro.

La seconda buona notizia è che la Bce mostra di essere attenta ai problemi manageriali dei singoli istituti e sa come assecondare le svolte manageriali nei momenti critici.

È vero che la decisione di ieri era già maturata tempo fa, ma può anche essere stata agevolata, almeno nelle dialettiche interne, dal cambio della guardia al vertice dell’SSM. Andrea Enria ha un’esperienza e un prestigio in materia come pochissimi altri funzionari in Europa e poiché è uomo di grande trasparenza e rigore, sa bene che nessuna di queste due doti richiede rigidità estrema nell’applicazione delle norme.

È dunque più che ragionevole ritenere che analoghi criteri di flessibilità verranno applicati anche in altre situazioni simili, cioè ogni volta che sia opportuno per favorire mutamenti strategici importanti.

Il problema è che le decisioni fondamentali di vigilanza non competono solo alla Bce, ma anche ad altri organi: la Commissione (DGComp) e l’SRM, il meccanismo di risoluzione delle crisi. È pacifico che l’Italia ha avuto danni incalcolabili dal fatto che negli anni cruciali fra il 2014 e il 2017 le norme sono state applicate con rigidità eccessiva. Come è noto, la sciagurata decisione di considerare gli interventi del Fondo di tutela dei depositi come aiuti di Stato fin dai tempi della piccola Tercas ha condizionato negativamente tutte le soluzioni successive, imponendo di addossare ai risparmiatori perdite che si sarebbero potute tranquillamente evitare. Quella decisione è stata considerata illegittima dalla Corte di Strasburgo, ma è una ben magra soddisfazione, soprattutto visto che la Commissione dimostra di non aver cambiato posizione e impugna la sentenza.

E come è noto, l’Italia ha da dolersi anche delle rigidità mostrate in varie sedi europee in occasione del tentativo di salvataggio delle due banche venete che alla fine hanno costretto le nostre autorità ad una liquidazione che si è tradotta in costi elevati per i risparmiatori e per la collettività.

Insomma, le due buone notizie attendono di essere affiancate da una terza: che anche nelle altre sedi della vigilanza europea si sa applicare le norme tenendo conto delle esigenze specifiche dei soggetti vigilati, soprattutto nelle delicate fasi di ristrutturazione aziendale. Ne avremo un bisogno estremo nei prossimi mesi ed anni, perché molti cambiamenti strutturali e strategici dovranno avvenire nelle banche europee per uscire dal pantano di una redditività generalmente insufficiente.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti