Storia

La forma è contenuto, così la grafica evolve e interpreta la realtà

In un giornale la scelta delle notizie tiene conto e insieme detta la loro disposizione nello sfoglio e nella singola pagina

di Stefano Salis

default onloading pic

3' di lettura

Che cos’è un giornale? Prima di tutto (e qualunque posizione esso abbia e comunichi rispetto alla sua visione della realtà) è un modo di “ordinare” le notizie. Proprio perché propone (ogni giorno, ogni ora, ogni mese non importa, e non importa su quale media) una selezione fra tutto quello che valuta come notizia interessante per il proprio universo di fruitori di riferimento, il giornale è uno straordinario metodo di gerarchizzazione: c’è un criterio per il quale una notizia vale più di un’altra e quindi viene prima all’interno del giornale e, nello stesso spazio di una pagina, c’è un motivo per cui sta in alto e non in basso.

La definizione del campo di gioco serve a far capire perché i giornali (quelli di carta come quelli del web) hanno la sacra ossessione della forma: la forma, mai come in un giornale, è contenuto. Serve a dare la visualizzazione pratica di ciò che è stato, a monte, selezionato come più o meno importante. Il “taglio” verticale della realtà, insieme ad alcune possibilità orizzontali (soprattutto in ambiente digitale), contraddistingue e obbliga l’ordine di lettura. Che, ovviamente, non è lo stesso per tutti i giornali: al contrario, ciascuno avrà (e a buon diritto) il suo.

Loading...

Il primo agosto del 1865 nasce “Il Sole”, voluto dal commerciante di stoffe Gaetano Semenza, dai fratelli imprenditori della seta Penocchio e dall'editore Francesco Vallardi.

«Il Sole 24 Ore» non fa eccezione, naturalmente. E ha seguito, nei suoi oltre 150 anni di storia, esattamente queste regole e istanze per veicolare i contenuti dei quali, fieramente, in molti casi, è il principale, se non l’unico, portatore: come il racconto dell’economia e della finanza e dell’intreccio che esse hanno, in molteplici derivazioni, con la realtà di tutti noi e con ciò che ci circonda, cercando di raccontare i fatti e inquadrarli dentro una cornice più ampia. Il Sole, per la sua particolare vocazione, ha dovuto “stressare” certe scelte a discapito di altre ma, sicuramente, ha seguito, anche se a volte non immediatamente, le esigenze produttive, commerciali e culturali che si impongono per stare al passo con i tempi e, perché no?, magari precederli. È un fatto, per esempio, che il colore rosa salmone che lo fa notare in edicola (e lo apparenta all’omologo «Financial Times») sia un forte elemento identitario, al pari del formato. Quello che da martedì verrà abbandonato (un broadsheet da 40x56 cm, effettivamente molto grande nelle edicole di oggi) lascerà spazio a un formato inedito per l’Italia, il rhenish, di 35x53, più lungo di un tabloid.

In anni anche recenti, il Sole ha visto diversi restyling grafici: non possiamo elencarli uno per uno e nel dettaglio, ma basti vedere qualche esempio in questa pagina (le autorevoli calate di piombo di una volta, l’introduzione di una foto in prima pagina, la progressiva riduzione del numero di colonne nelle quali si è suddivisa una pagina – cosa che influisce direttamente nella gerarchizzazione delle notizie e nella loro vestibilità –, l’introduzione del full color) per rendersi conto che il rinnovamento grafico è una costante, da prendere con le dovute cautele, e un segnale concreto che porta un giornale (qui si è quasi sempre parlato di giornale cartaceo, ovviamente, ma per le parti digitali valgono i medesimi criteri, resi ancora più frenetici dalla velocità con la quale cambiano tecnologie e abitudini di lettura) dentro il tempo che racconta.

Iconica, ancora oggi, è la testata che realizzò negli anni 80 il grande designer britannico Alan Fletcher e che “aggiornava” quelle storiche; leggermente ritoccata in anni successivi, in ogni caso, quell’elegante combinazione di cifre e lettere serve ad essere, nel vasto mondo dell’informazione cartacea e digitale una bussola che significa autorevolezza, credibilità; forma e sostanza, appunto. Il nuovo giornale che debutta da martedì farà il tentativo di continuare in quella tradizione, consapevole delle eredità del passato e delle sfide del presente, dando forma nuova e “vecchi” valori al futuro.

L'informazione che fa la differenza. Su misura per te

L'utilizzo dell'app è gratuito e include accesso a ilsole24ore.com e alle notifiche personalizzate.
Scarica o aggiorna la app per iPhone/iPad

L'app de Il Sole 24 Ore si rinnova completamente, per offrirti sempre quello che cerchi.
Scarica o aggiorna la app per Android

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti