SOCIAL RESPONSABILITY

La formula innovativa di un resort a impatto zero, fatto di case galleggianti trasportabili

Ripensare l'hôtellerie con una struttura modulare, mobile e a energia solare. Per esplorare la natura senza disturbarla.

di Alexis Paparo

Yacht dellʼazienda austriaca Silent Yachts. Queste barche sono alla base di un nuovo concept di resort modulare, mobile e a impatto quasi zero, perché alimentato a energia solare, sviluppato in partnership con lʼarchitetto Victor Barrett di True Design. Lʼapertura del primo resort è prevista per fine 2021 ­­­­­o inizio 2022.

3' di lettura

Il desiderio di avere uno spazio tutto per sé immerso nella natura affonda le radici nell'infanzia e nell'immagine della casa sull'albero. Ma l'urbanizzazione crescente e, da ultimo, la pandemia, hanno risvegliato un interesse trasversale per suite mobili e autosufficienti, a metà fra un rifugio e un luogo in cui evadere dal quotidiano. Ci sono formule resort come, ad esempio, la Starlight Room Dolomites, un cubo di legno e vetro a 2.055 metri d'altezza vicino a Cortina, e ci sono spazi da acquistare e gestirsi in libertà.

La realizzazione dello scafo di un catamarano a energia solare Silent 80 dellʼazienda Silent Yachts, nel cantiere di Fano.

L'ultima è Anthénea, presentata al Salone Nautico di Parigi: una casa galleggiante alimentata a pannelli solari, con grande area living, suite, solarium e spa sottomarina (da 250 a 420mila euro). Il progetto mi viene illustrato dall'architetto Victor Barrett di True Design e da Michael Köhler, fondatore e ceo di Silent Yachts. Finalmente una videocall che aggiunge più di quanto toglie, mi dico, quando Köhler si collega dal suo catamarano a energia solare da 55 piedi, ormeggiato in un marina di New York. «È una show boat ed è anche il mio ufficio», mi dice mentre inquadra gli interni, ampi e luminosi come quelli di un loft. Si avverte l'entusiasmo con qualche traccia di stanchezza sul volto e nella voce: «Stiamo lavorando tantissimo. Quest'anno consegneremo tre yacht, ma nel 2021 ben 20, tutti già venduti. Ecco perché al momento siamo in 400, ma presto saremo molti di più!».

Loading...

Un'altra immagine della realizzazione dello scafo di un catamarano a energia solare Silent 80 dellʼazienda Silent Yachts, nel cantiere di Fano.

Il prossimo obiettivo dell'azienda, che ha gran parte della sua produzione a Fano, presuppone una crescita esponenziale: l'intenzione è di dar vita a un resort modulare, trasportabile e riutilizzabile, alimentato a energia solare. Il progetto nasce in partnership con Barrett, che da decenni si occupa di sviluppo immobiliare sulle isole, e si divide fra acqua e terra. Al centro, ci sono i catamarani Silent 60 o 80 piedi – ville galleggianti da quattro cabine con bagno ensuite, saloni, terrazze – che fungeranno anche da hub di energia. Ormeggiati al molo, supporteranno l'alimentazione dei servizi sull'isola, fra cui reception, spa, palestra, club, ristorante e ville in legno altamente sostenibile, proposte come alternativa alla barca. In collegamento da Linz, in Austria, Barrett racconta che «l'idea è nata ad aprile, ma abbiamo già concluso un accordo per il primo resort alle Bahamas, che sarà pronto entro il 2021 o inizio 2022». È una di quelle situazioni in cui si allineano il momento, le persone e le idee.

«A marzo stavo lavorando a un progetto nei Caraibi, che si è fermato a causa del Covid-19. Tornato in Austria, ho incontrato Michael ed è nato il concetto di Silent Resorts. Niente permessi da richiedere, scavi, generatori, rumore e inquinamento. Anche il sistema di osmosi inversa per la produzione d'acqua, il trattamento delle acque grigie, che saranno riciclate per l'irrigazione, e quello per la produzione e la conservazione di energia funzioneranno dall'interno di un container. Così possiamo costruire un resort in 18 mesi e trasportarlo quante volte vogliamo». La struttura sarà aperta anche a periodi di vacanza più brevi, ma la formula preferita è quella della fractional ownership, per cui i membri acquisteranno una frazione di isola, villa e yacht in ognuno dei Silent Resort. Almeno cinque entro il 2025, «Mediterraneo, Maldive, Caraibi e Indonesia», ma non è l'obiettivo più ambizioso. «Stiamo lavorando a uno yacht-navetta super veloce che faccia la spola dagli aeroporti, ma vorremmo completare il progetto con un aereo a energia solare per il trasporto di materie prime e ospiti». Esistono dei prototipi, nulla che però sia ancora omologato per passeggeri. «Ma è a questo che guardo», conclude Köhler, «per poter avere un sistema davvero osmotico». Come la natura stessa.

Riproduzione riservata ©

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti