Enogastronomia

La Franciacorta ospiterà le stelle Michelin per i prossimi tre anni

Accordo siglato tra la guida rossa e gli imprenditori vitivinicoli del Consorzio dell’area franciacortina per la presentazione delle prossime tre edizioni del volume

di R.Io.

Vino: record storico (+7,1%) per vendite 1/o semestre

2' di lettura

Un accordo tra due giganti di caratura internazionale: per i prossimi tre anni il territorio della Franciacorta (Brescia) ospiterà la presentazione della famosa guida turistica e gastronomica Michelin. Un sodalizio, quello con la guida rossa, che sottolinea il crescente valore e l’impegno imprenditoriale dei vignaioli del territorio franciacortino. Alla luce anche del fatto che un accordo analogo la Guida lo ha in Francia con la Champagne.

«Un’alleanza, quella tra Franciacorta e Michelin, siglata nel segno di una condivisione profonda sul piano della valorizzazione enogastronomica, come su quello dell’approccio ambientale sostenibile», spiega il comunicato congiunto che annuncia l’intesa. «Franciacorta – aggiunge la nota – è sinonimo internazionale di cultura del vino, di rispetto ed ascolto del territorio: la partnership con l’azienda Michelin è un riconoscimento importante che va nella direzione di premiare il grande impegno di questa terra e la sua denominazione per la promozione del made in Italy nel mondo».

Loading...

Il Consorzio di tutela

Nato nel 1950, il Consorzio di tutela dei vini di Franciacorta ha ottenuto nel ’95 la Denominazione di origine controllata e garantita (Docg). Rappresenta 121 cantine, 2.902 ettari coltivati Franciacorta Docg, 15,6 milioni di bottiglie prodotte con una quota export che sfiora l’11 per cento.

Gli ambasciatori del gusto

«Franciacorta è orgogliosa di poter ospitare i protagonisti della migliore qualità culinaria italiana: i cuochi», spiega Silvano Brescianini, presidente del Consorzio Franciacorta, che aggiunge: «Dobbiamo moltissimo alla ristorazione che rappresenta il meglio dell’esperienza gastronomica tricolore. I nostri vini trovano in questi ambasciatori del gusto e del made in Italy preziosi alleati nelle tavole più importanti nel mondo. Ancor più, dopo aver passato il terribile periodo di chiusura, abbiamo il piacere di brindare e festeggiare le stelle in Franciacorta accogliendole con gratitudine ed amicizia. Ringrazio Michelin - aggiunge Brescianini - per aver individuato la Franciacorta come destinazione dove annunciare il risultato di un anno di ricerca dell’eccellenza, che da sempre è l’obiettivo primario dei viticoltori Franciacortini».

Le origini

La Guida Michelin, che fu originariamente concepita con l’intenzione d'incoraggiare gli automobilisti a mettersi in viaggio, nasce nel 1900 in Francia da un’idea dei fratelli André ed Édouard Michelin, fondatori dell’omonima azienda di pneumatici. Per aiutare le poche migliaia di automobilisti francesi alle prese con un viaggio che era spesso aleatorio o addirittura avventuroso i fratelli Michelin creano un volumetto per il viaggiatore, contenente mappe, procedure per cambiare una ruota, stazioni di servizio e una lista d’indirizzi in cui mangiare e pernottare la notte.

Storia di viaggio

«La storia della Guida Michelin è una storia di viaggio. Siamo felici - spiega Marco Do, direttore comunicazione di Michelin Italia - di questa partnership che vedrà la Franciacorta come sede delle prossime tre edizioni della Guida. Questo territorio è la cornice ideale per continuare il nostro viaggio alla scoperta dei prodotti vitivinicoli di una terra dalla lunga tradizione e della sua unicità che l’ha resa una delle ambasciatrici del made in Italy nel mondo». I ristoranti stellati nel mondo sono oltre 15.700. Le stelle nel mondo sono 3.144, delle quali 134 tre stelle, 465 due stelle, 2.545 una stella. Le stelle verdi in totale sono 302. La Lombardia continua a essere la regione più premiata dalla Guida Michelin, con 59 ristoranti: 3 tre stelle, 6 due stelle, 51 una stella.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti