aiuti all’economia

La Germania prevede 180 miliardi di nuovo debito nel 2021

L’accordo raggiunto in Parlamento raddoppia la cifra di 90 miliardi inizialmente prevista dal ministero delle Finanze e segue la decisione di allungare il lockdown fino a Natale

di R.Mi.

default onloading pic
(EPA)

L’accordo raggiunto in Parlamento raddoppia la cifra di 90 miliardi inizialmente prevista dal ministero delle Finanze e segue la decisione di allungare il lockdown fino a Natale


2' di lettura

La Germania è pronta a indebitarsi per quasi 180 miliardi di euro nel 2021 per poter sostenere gli aiuti economici alle attività costrette a chiudere a causa della pandemia di coronavirus. La commissione Bilancio del Parlamento ha raggiunto un accordo sulla cifra di 179,82 miliardi che è il doppio di quanto inizialmente previsto dal ministro delle Finanze Olaf Scholz a settembre. L’ondata di contagi in corso ha costretto la Germania a un secondo lockdown, con la chiusura di bar, ristoranti, luoghi di ritrovo, palestre, cinema e teatri mentre scuole e negozi restano aperti. Una chiusura che verrà prolungata sicuramente fino al 20 dicembre, forse oltre.

Merkel: L’inverno sarà duro
Angela Merkel, spiegando al Paese la necessità di prolungare fino almeno a Natale il fermo delle attività di aggregazione nonché di restringere ulteriormente i contatti sociali (potranno incontrarsi, in privato e in pubblico, al massimo cinque persone appartenenti a due nuclei di conviventi), ha detto che «l’inverno sarà duro ma finirà» aggiungendo che il Paese deve far scendere il numero di nuove infezioni per 100mila abitanti al fine di consentire il tracciamento, indispensabile a circoscrivere i focolai. Coerentemente, il partito della cancelliera, la Cdu, ha accettato in Parlamento di ampliare fino a raddoppiare il nuovo debito netto che accompagnerà il budget tedesco 2021, concedendo di nuovo di derogare alla regola costituzionale del pareggio di bilancio (possibilità di deficit non superiore allo 0,35% del Pil).  

Loading...

«L’alto debito è necessario per mantenere il Paese al sicuro nel corso della pandemia» ha detto Eckhardt Rehberg, parlamentare della Cdu. «Dobbiamo di nuovo ricorrere all’esenzione dalla regola del pareggio». Secondo Sven-Christian Kindler, dei Verdi, il nuovo debito «è la cosa giusta da fare perché non si può pensare di risparmiare nel corso di una pandemia».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti