ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

L’inflazione Usa peggio delle stime affonda Wall Street. L’Europa chiude in calo

Delusa la speranza degli osservatori che ormai il picco dei prezzi fosse stato raggiunto. Per future Fed Funds possibile rialzo tassi Usa di un punto. L'euro sale a 1,017 dollari, poi ritraccia. Spread in calo a 226 euro, rendimento decennale in rialzo

di Stefania Arcudi

Aggiornato alle 18.40

La Borsa, gli indici del 13 settembre 2022

5' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Seduta a due facce per le Borse europee che sono partite in rialzo e chiudono in discesa, sui minimi di giornata, in scia a una Wall Street in caduta libera. Lo spartiacque è stato il dato sull’inflazione americana, peggiore delle aspettative (+8,3% ad agosto, contro stime per +8% dopo il +8,5% di luglio): il mercato sperava che i prezzi avessero toccato il picco, cosa che avrebbe potuto indurre la Federal Reserve a più miti consigli. Così non è stato e, anzi, tra gli analisti c’è chi ipotizza che la Banca centrale americana possa essere ancora più aggressiva e aumentare il costo del denaro di un punto percentuale alla prossima riunione, contro i 75 punti base finora previsti.
Così a Milano il FTSE MIB ha tirato il freno a mano, lasciandosi alle spalle i buoni rialzi delle ore precedenti. Stessa tendenza sulle altre principali piazze finanziarie del Vecchio Continente, dal DAX 30 di Francoforte al CAC 40 di Parigi, passando per Londra (FT-SE 100) e Madrid (IBEX 35).

Wall Street in forte calo dopo dato inflazione

Wall Street chiude in forte calo. Il Dow Jones perde il 3,94% a 31.105,03 punti, il Nasdaq cede il 5,16% a 11.633,57 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno il 4,32% a 3.932,64 punti. La Borsa americana è in caduta libera. Ad agosto, i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati rispetto al mese precedente, al contrario delle attese (+0,1%, contro il -0,1% previsto). Peggiore del consensus anche il dato annuale (+8,3%, dopo il +8,5% di luglio, ma peggiore del +8% atteso). Nell'ultimo mese, i prezzi energetici sono diminuiti del 5%, mentre i prezzi dei generi alimentari sono aumentati dello 0,8%, per un rialzo annuale rispettivamente del 23,8% e dell'11,4%, quest'ultimo dato il più alto dal maggio 1979.
«A nostro avviso - dicono gli analisti di Mps Capital Services - non dovrebbe incidere più di tanto sulla decisione della Fed di alzare di ulteriori 75 punti base i tassi la prossima settimana». Tuttavia un dato sotto l’8% avrebbe portato il mercato a prezzare al ribasso il percorso di rialzi della Banca centrale con riflessi soprattutto sul dollaro.

Loading...

Future Fed Funds, 20% probabilità rialzo tassi Usa di 1 punto

Dopo il dato Cpi sull'inflazione di agosto negli Stati Uniti, il mercato alza le possibilità di un deciso aumento dei tassi d'interesse per contrastarla. I future sui Fed Funds (che indicano le possibilità che il mercato attribuisce a una mossa di politica monetaria), attribuiscono un 20% di possibilità a un rialzo dei tassi di 1 punto percentuale e un 80% di possibilità a un rialzo di 75 punti base.

A Piazza Affari Tim sotto i riflettori, in coda Prysmian

Sull’azionario milanese, dove il FTSE MIB, partito in buon rialzo, ha finito quasi tutto in rosso, si sono salvate Finecobank, Mediobanca e Telecom Italia, che risale dai minimi storici toccati la settimana scorsa. Cali generalizzati e pesanti per gli energetici, gli industriali e i tecnologici. Sotto i riflettori Amplifon con gli analisti di Barclays che hanno avviato la copertura con overweight e target price a 31 euro, mentre Volatili i bancari, sostenuti nelle scorse sedute dalle prospettive di aumenti dei tassi, da Unicredit a Banca Pop Er. Frena dopo l'avvio sprint con stop in volatilità Banca Mps in vista dell'assemblea di giovedì chiamata ad approvare il maxi-aumento di capitale da 2,5 miliardi. In coda al listino principale milanesi Iveco Group e Pirelli & C mentre Generali perde quota dopo che SocGen ha ridotto il target price. Giù anche Prysmian.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Spread chiude in calo a 226 punti

Chiusura in calo per lo spread BTp/Bund, che, in un contesto di generale debolezza per i titoli di Stato della Zona Euro, guadagnato terreno rispetto ai bond tedeschi colpiti dalle vendite dopo il dato sull'inflazione americana. A fine seduta, il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005494239) e il pari scadenza tedesco si è attestato a 226 punti, in aumento di 4 centesimi rispetto al closing della vigilia. In aumento, invece, il rendimento del BTp decennale benchmark, indicato in chiusura al 3,98% dal 3,94% della chiusura di lunedì, dopo essere affacciato sulla soglia del 4 per cento.

Intanto, sul primario, il Tesoro ha assegnato BTp per complessivi 7,5 miliardi nell'asta medio/lungo termine di metà mese. In particolare, ha assegnato BTp a 3 anni per 2,750 miliardi, pari all'importo massimo offerto a fronte di una richiesta di 4,686 miliardi, pari a un rapporto di copertura di 1,70, con il rendimento in aumento di 92 punti base al 2,77%. Il Tesoro ha assegnato inoltre BTp a 7 anni, per 3,250 miliardi pari all'intero importo offerto (richiesta di 4,794 mld), con rendimento lordo in rialzo di 74 punti base al 3,50%. Infine, ha assegnato titoli a 30 anni per 1,5 miliardi, l'importo massimo offerto, a fronte di una richiesta di 2,175 miliardi, con rendimento al 4,04%.

Gas oscilla attorno a 200 euro, in calo il petrolio

Da segnalare il rialzo dei prezzi del gas naturale: i contratti scambiati sulla piattaforma Ttf di Amsterdam nel finale di seduta salgono del 6,4% a 202,91 euro al megawattora, dopo essere scesi fino a un minimo di seduta di 181,5 euro. Questo mentre a Bruxelles si riunisce la Commissione europea per valutare le misure di contrasto al caro energia, con l'ipotesi di un price cap al tetto del gas che appare più lontana.
Giù i prezzi del petrolio, sul timore che un’eventuale recessione innescata dalle mosse della Fed possa deprimere la domanda (secondo l’Opec resterà solida nel 2022 e 2023): il Wti ottobre cede l’1,72% a 86,29 dollari al barile, il Brent novembre l’1,89% a 92,23 dollari.

Dollaro recupera dopo inflazione Usa

Sul valutario, effetto inflazione anche sul dollaro che, dopo avere perso quota sull’euro, è tornato a rafforzarsi: la divisa unica è scambiata a 1,001 dollari, contro gli 1,017 dell'avvio (1,013 ieri in chiusura). Euro/yen a 144,376 (144,59 in apertura, da 144,27), dollaro/yen a 144,19 (142,14 in avvio, da 142,40).
Ad ogni modo, secondo gli analisti di Unicredit, qualche sostegno arriva dalle «dichiarazioni da falco di alcuni membri della Bce, che alludevano a un inasprimento aggressivo della politica monetaria e agli ultimi sviluppi del conflitto in Ucraina, che hanno favorito un ulteriore calo dei prezzi del gas naturale, riducendo così l'appeal del biglietto verde come valuta rifugio».

In Germania inflazione +0,3%, meno del mese precedente

Sul fronte macro europeo, intanto, l'inflazione in Germania ha segnato un +0,3% ad agosto, in rallentamento rispetto al mese precedente ma con un dato tendenziale ancora in crescita (+7,9%). Cala ancora a settembre l'indicatore Zew del sentiment economico per la Germania, a -61,9 da -55,3 di agosto, peggio delle attese.In Uk, segnali positivi dal mercato del lavoro con il tasso disoccupazione sceso a maggio-luglio a +3,6%, mai così basso dal 1974.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti