AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùLe catene del valore

La globalizzazione dopo Covid e guerra

La pandemia ha provocato alcune mutazioni che ora la crisi ucraina accelererà

di Paolo Bricco

(AdobeStock)

2' di lettura

La guerra in Ucraina è un potente focolaio di instabilità geo-politica ed energetica, tecno-manifatturiera e finanziaria. La pandemia ha già provocato nel codice genetico della globalizzazione alcune mutazioni che, adesso, potrebbero sperimentare evoluzioni più marcate e meno reversibili. Negli ultimi due anni le catene globali del valore sono già diventate più sfilacciate e meno compatte. Le reti di fornitura e di approvvigionamento sono già state rese più corte e meno efficienti perché più onerose. I mercati finali hanno già sperimentato un ridimensionamento con una loro calibratura più regionale.

Nella gerarchia geo-economica si è già verificata l’avanzata di una Cina che – se ha bisogno di stabilità per sviluppare il suo mercato interno e per raggiungere il suo breakeven naturale al 7% del GDP – ha comunque una strutturale posizione di ascesa nelle Global Value Chains, delle cui componenti più nobili e redditizie controlla quote crescenti.

Loading...

La guerra ha obbligato Volkswagen e Bmw ad interrompere i loro cicli di produzione e di fornitura in Ucraina, dove si realizzavano i cablaggi di diversi modelli (ogni auto ha, in media, 5 km di cavi al suo interno). Audi sta premendo sui suoi fornitori che a loro volta lavorano con fornitori di secondo livello, perché ne trovino altri nell’Europa dell’Est e nel Nord Africa. L’invasione in Ucraina potrebbe, intanto, rendere ancora più acuta la crisi dei chip, sorta in pandemia. La metà del neon mondiale per semiconduttori arriva dall’Ucraina e dalla Russia.

Non è soltanto un tema di auto e di microprocessori. In ogni settore le imprese della manifattura europea e italiana seguono il dettato del trauma della guerra. Ma le loro scelte particolari di oggi si inseriscono in un generale quadro di riassetto che ha introdotto il tema del re-shoring. Secondo l’analisi di Met, esiste un primo slittamento fra le aziende più internazionalizzate.

Il conflitto in Ucraina può accelerare i meccanismi di evoluzione della globalizzazione che si sono attivati venti anni fa, quando la Cina ha smesso di accettare una posizione “servile” nei confronti dell’Occidente manifatturiero e ha iniziato a sviluppare una strategia di politica industriale autonoma e aggressiva. Il punto è quello che potrebbe capitare se la Russia allacciasse legami politici e militari economici, finanziari e monetari con, di nuovo, la Cina. Soprattutto per via delle sue riserve energetiche e minerarie.

Speciale Festival dell’Economia di Trento 2022

La cronaca giorno per giorno

Un superdossier con le notizie, e cronache degli eventi del festival e del Fuori Festival, e quelli sull’Economia del territorio.
Ecco i live giorno per giorno: 2 giugno
- 3 giugno - 4 giugno- 5 giugno

Il programma del Festival

Ecco il programma giorno per giorno, con tutti i panel del cartellone principale e quelli delle diverse sezioni, direttamente dal sito della manifestazione. Il programma

I video on demand di tutti gli eventi

Un ricco palinsesto di incontri, eventi, talk e keynote a cui hanno preso parte opinion leader di rilevanza nazionale ed internazionale e personalità di spicco tra scienziati e ricercatori, rappresentanti della società civile e delle istituzioni, economisti, imprenditori e manager.
Registrati per rivedere i video on demand di tutti gli eventi del Festival dell'Economia di Trento 2022

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti