Le sfilate di Parigi /1

La grazia robotica di Dior, la precisione tagliente di Saint Laurent

In un clima teso e sconfortante si aprono le sfilate di Parigi, dove ogni designer dà prova della sua personale narrativa

di Angelo Flaccavento

Dior AI 22-23

2' di lettura

Il clima internazionale è teso, sconfortante, ma la moda, appena tornata in presenza, non rallenta, comprensibilmente. Questa è un’industria che produce sogni e fatturati, insieme sventata e concreta: arrestarla non avrebbe alcun senso o effetto reale, anche se degli aspetti più sciocchi e mediatici del circo si farebbe volentieri a meno. L'azione si sposta adesso a Parigi, con i designer presi e compresi, ciascuno, nella sua personale narrativa.

Da Dior, Maria Grazia Chiuri ha da tempo rinunciato agli slogan facili e alla politica preconfezionata, ma non allo zelo femminista che ha consustanziato alla identità della maison. Il messaggio è adesso spostato sui set, sviluppati in collaborazione con artiste ogni volta diverse, mentre l'estetica delle collezioni reitera un modello, se non lezioso, decisamente perbenista. A questo giro il colpo d'occhio dello spazio scenico è imponente: la stanza intera, foderata di velluto rosso cupo, è una quadreria fitta fitta di ritratti femminili con gli occhi raddoppiati - distorsioni fotografiche di dipinti classici che sono parte dell'immaginario collettivo - opera dell'artista Mariella Bettineschi.

Loading...
Dior, l'artigianato incontra la tecnologia

Dior, l'artigianato incontra la tecnologia

Photogallery22 foto

Visualizza

L'effetto è straniante: gli osservatori diventano osservati, sottoposti a sguardi che sono enigmatici, inquisitori, non diversi dalle occhiate che le donne, troppo a lungo, hanno dovuto subire (la riflessione di Bettineschi, in sintesi, così si riassume). In questo spazio sontuoso e vagamente surreale muove una collezione dall'anima doppia, che affianca alle usuali silhouette fiorite, preziose, piene di grazia, una serie di interpretazioni funzionali delle stesse, con corpetti protettivi e spallacci riscaldanti sviluppati in collaborazione con D-Air Lab. È un Dior si direbbe robotico quello che ne viene fuori, quasi che la madamina di sempre si fosse ritrovata centaura. È uno scarto in avanti che fa pensare, ma che lascia desiderosi di piú, perchè a metà show, si ritorna al solito.

Off-White (Photo by JULIEN DE ROSA / AFP)

Da Off-White la commemorazione del compianto Virgil Abloh, mente e motore del progetto nonché ragione del suo stellare successo, si materializza in una ricapitolazione grandiosa di codici invero alquanto vaghi e deraglianti, fermi solo nella tendenza al campionamento e al collage. Classificare il lavoro di Abloh andando oltre la sua abilità di comunicatore è sempre stato difficile, e questa prova postuma, con gli abiti da ballo postmoderni, lo streetwear concettualizzato e una visione di femminilità forzatamente modernista, ne è la riprova: manca un racconto, e resta solo la randomness.

Saint Laurent, eleganza fluttuante e tacchi a spillo

Saint Laurent, eleganza fluttuante e tacchi a spillo

Photogallery23 foto

Visualizza

Nessun deragliare, anzi una precisione tagliente e seducente da Saint-Laurent, dove Anthony Vaccarello segna un deciso passo avanti maturando dalle mini sfrontate sui tacchi a spillo a sofisticherie e languori neo-deco, sempre sui tacchi a spillo - quelli sono un tratto di Dna. Le silhouette allungate e fluttuanti, con le sottovesti trasparenti sotto i cappotti spessi e pesanti emanano un’eleganza molto francese e molto Saint-Laurent, senza nostalgie. La donna di riferimento, nel mentre, matura, e il codice si amplia.

Volant e tocchi fetish si mescolano liberamente da Koché, dove la formula che unisce preziosismo e abrasione continua a reiterarsi, mentre da Ottolinger è tutto un arrotolarsi e intrusciarsi di strati e di lacci e di brandelli che esaltano e strizzano ogni curva. Primitivista, selvaggia e metropolitana, la visione convince.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti