startup dell’illuminazione

La lampada-pianta che produce luce sfruttando l’energia dei batteri

Creon, premiata da Aidi, utilizza celle a combustibile microbiche collegate alla terra. Per ora per la casa, in prospettiva per ambienti pubblici

di M.Cristina Ceresa

default onloading pic

2' di lettura

Una lampada da scrivania che fa luce grazie ai batteri. La stanno lanciando sul mercato i ragazzi di Creon, startup innovativa italiana con un chiodo fisso: le Mfc, ovvero celle a combustibile microbiche che grazie a un processo metabolico generano corrente sfruttando i microrganismi che vivono nella terra.

Giardini, orti e anche semplicemente le aiuole delle nostre città sono l'humus di questa energia rinnovabile che prende vita da reazioni biochimiche, senza però produrre alcun gas di scarto o altri inquinanti.

Loading...

Una via di produzione naturale della luce, su cui i tre componenti della startup - Federico Merz, Giulia Minghetti e Alessandro Turcato - stanno lavorando da un po'.

«L'idea ha iniziato a prendere forma nel 2015», racconta Giulia Minghetti, la portavoce del gruppo. Quando Merz, studiando biotecnologia, si imbatte nelle celle a combustibile microbiche gli si accende una vera e propria lampadina: perché non usare la terra, che pullula di microrganismi, per fare energia, e quindi usare questa energia per illuminare giardini e parchi?

Applicazione tecnologica, business model e go to market hanno richiesto tempi di incubazione non banali. Ma hanno portato anche riconoscimenti vari: ultimo nell'ordine temporale quello dell'Associazione Italiana di Illuminazione che ai primi di dicembre ha assegnato il premio “Start Up Light Up” proprio a Creon.

Le idee ora sono chiare: «Il successo del prodotto – spiega Minghetti - sarà dettato dalla nostra abilità di riuscire a creare fascino e interesse per le nostre luci, puntando sulla tecnologia che in questi anni si è dimostrata avere una forte presa sulla gente, suscitando una genuina curiosità».

Creon vuole agire sia sull'illuminazione pubblica che su quella privata aggiungendo componentistica IoT per rendere il sistema adatto a smart city ma anche ad altri settori come per esempio l'agricoltura.

«Biologica» è l'elettricità proposta dalla startup che – anticipa qualche dettaglio Merz - si basa su un punto luce «sotto forma di lampada-pianta da interni in grado anche di misurare anche la qualità dell'aria in casa». Seguiranno lampade da esterni e colonnine di ricarica per dispositivi elettronici, da posizionare presso le fermate dei mezzi pubblici o nei parchi pubblici.,

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti