LO SCENARIO

La maggiore autonomia spinge l’ascesa delle plug-in hybrid

Il mercato adegua l’offerta con modelli che offrono potenza e confort. Da Audi la nuova A6 Avant - Bmw, Range Rover e Volvo allargano la gamma dei suv

di Simonluca Pini

default onloading pic
La Audi A6 Avant «2.0 Tfsi e quattro S tronic» è la prima station wagon dei 4 anelli con powertrain ibrido plug-in. Può percorrere circa 50 km in modalità elettrica

Il mercato adegua l’offerta con modelli che offrono potenza e confort. Da Audi la nuova A6 Avant - Bmw, Range Rover e Volvo allargano la gamma dei suv


3' di lettura

Unire la trazione elettrica ai tradizionali motori termici. È questo il punto di forza delle auto ibride plug-in, modelli capaci di percorrere oltre 50 chilometri a zero emissioni e al tempo garantire generose autonomie all’utilizzatore. Se le vetture elettriche in molte situazioni non garantiscono la necessaria libertà di spostamento, a causa di chilometraggi contenuti e soprattutto di una rete infrastrutturale di ricarica insufficiente, le Phev (Plug-in Hybrid Electric Vehicle) rappresentano la soluzione ottimale nella maggior parte degli utilizzi e diventeranno una presenza costante tra le preferenze dei fleet manager. Durante gli spostamenti quotidiani, ad esempio il tragitto casa ufficio o per accedere alle zone a traffico limitato, possono viaggiare in modalità completamente elettrica. Al tempo stesso però, in caso di un trasferimento di diverse centinaia di chilometri, l’autonomia è garantita dal termico e per rifornirsi basta un distributore di carburante e non una colonnina di ricarica.

Tra le ultime proposte Phev arrivate sul mercato spicca la nuova Audi A6 Avant 2.0 Tfsi e quattro S tronic, che abbina una potenza complessiva di 367 cavalli alla possibilità di viaggiare fino a 51 chilometri completamente in elettrico. Leggendo la scheda tecnica troviamo uno scatto da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi e una velocità massima autolimitata di 250 km/h e 135 km/h in modalità puramente elettrica. L’accumulatore agli ioni di litio ha una capacità di 14,1 kWh ed è posizionato sotto il vano bagagli così da garantire un piano di carico perfettamente piatto, oltre a una capienza di 405 litri con cinque persone a bordo, espandibile a 1.535 litri abbattendo gli schienali posteriori. Collegandosi a una colonnina in corrente alternata (ac) da 7,4 kW – massima potenza di ricarica della vettura – la batteria agli ioni di litio si rigenera completamente in 2,5 ore, che diventano 6 ore con una presa domestica da 230V. A bordo troviamo il sistema d’infotainment garantisce un’elevata connettività, mentre la guida autonoma arriva al secondo livello.

La A6 Avant «phev» offre un powertrain con una potenza complessiva di 367 cavalli. L'ammiraglia delle wagon Audi scatta da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi. La velocità massima è di 250 km/h o 135 km/h in modalità elettrica

Sul fronte dei suv “alla spina” recentemente presentati, la Volvo XC40 T5 Recharge è in grado di percorrere fino a 45 chilometri in modalità completamente elettrica. Realizzata sulla piattaforma modulare Cma (Compact Modular Architecture) nel dettaglio la novità svedese plug in hybrid è spinta dal motore 3 cilindri 1.5 litri a benzina da 180 cavalli a cui si aggiunge l’unità elettrica da 82 cv per una potenza massima cumulata di 262 cavalli e una coppia totale di 425 Nm. La suv svedese sarà abbinata in futuro anche al nuovo sistema di infotainment basato su Android caratterizzato da una elevata personalizzazione, maggiore intuitività e nuove tecnologie e servizi Google integrati. Altro aspetto da non dimenticare è la presenza della piattaforma di servizi digitali Volvo On Call, particolarmente apprezzata dalla flotte visto funzionalità come la possibilità di condividere la stessa vettura con più utilizzatori grazie alla chiave digitale attivabile tramite smartphone.

Restando tra i suv “alla spina”, Bmw offre un’ampia scelta di modelli che parte dai modelli X1 e X2 xDrive25e. Spinti dal 1.5 turbobenzina tre cilindri turbo, grazie anche alla presenza dell’unità elettrica arrivano a scaricare a terra 220 cavalli. Buona l’autonomia elettrica con 57 km a disposizione, mentre la batteria può essere caricata nelle normali prese domestiche in circa cinque ore in meno di 3,2 ore utilizzando una Wallbox.

Passando in casa Land Rover, Le nuove Range Rover Evoque e Discovery Sport P300 sono mosse dal 3 cilindri Ingenium 1,5 litri a benzina da 200 cv abbinato al motore elettrico da 109 cavalli e garanticono 68 km di autonomia in elettrico puro.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti