Scontrini elettronici: le regole per i piccoli esercenti in 10 casi

2/11corrispettivi elettronici

La moratoria e le scadenze

La prima scadenza di comunicazione sarà il 2 marzo 2020

(IMAGOECONOMICA)

Proprio per consentire l'upgrade tecnologico, ci sarà una moratoria di sei mesi. Fino al 30 giugno 2020, infatti, i nuovi soggetti obbligati potranno contare su un periodo cuscinetto nel corso del quale dovranno sempre memorizzare le operazioni effettuate ma potranno trasmettere i dati alle Entrate entro la fine del mese di successivo.

La prima scadenza di comunicazione sarà il 2 marzo 2020 (il 29 febbraio cade di sabato e il termine slitta al lunedì successivo). Questo consentirà di evitare le sanzioni per omessa trasmissione finché non sarà avvenuto il passaggio al nuovo registratore telematico. Poi da luglio, una volta scaduta la moratoria, ci saranno 12 giorni di tempo per trasmettere i dati rispetto alla data in cui è stata effettuata l'operazione.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti