AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùBorsa

La mossa di Perez su Autostrade scalda Atlantia a Piazza Affari

L'iniziativa di Acs potrebbe sparigliare le carte nella partita per Aspi. Il cda della holding intanto ha avviato l'analisi dell'offerta presentata da Cdp con i fondi Blackrock e Macquaire

di Cheo Condina

(ANSA)

2' di lettura

Continua a correre Atlantia a Piazza Affari dopo avere ricevuto una manifestazione di interesse da parte della Acs di Florentino Perez per acquisire una partecipazione in Aspi. Una mossa che, potenzialmente, potrebbe sparigliare le carte dell'attuale procedura di vendita della concessionaria su cui l'unica offerta in campo è quella di Cdp con i fondi Blackrock e Macquaire, che proprio prima di Pasqua hanno presentato una proposta vincolante ora all'esame del cda di Atlantia e dei suoi advisor. È proprio la prospettiva di una possibile competizione sul prezzo o comunque, in generale, di un rimescolamento delle carte, a favorire gli acquisti in Borsa con il titolo che conferma i rialzi della vigilia e sale ai massimi da marzo 2020.

Nella propria lettera, Acs valuterebbe inizialmente il 100% di Aspi 9-10 miliardi e il suo interesse sarebbe vincolato all'approvazione del Pef da parte del Governo e all'ok parte delle autorità competenti al riassetto. Inoltre Acs sarebbe disponibile all'entrata di Cdp e altri investitori nel consorzio e auspicherebbe in un secondo momento la fusione Aspi-Abertis. Gli analisti di Equita fanno notare come da un lato l'interesse di Acs non sarebbe sull'intera quota dell'88% di Aspi detenuta da Atlantia, al contrario dell'offerta di Cdp-fondi, mentre la valutazione iniziale sarebbe del 4-15% superiore a quella di Cdp (aggiustata per garanzie e potenziali ristori per Covid-19).

Loading...

«Sarà importante verificare quale quota Acs vorrebbe acquisire di Aspi, se sarà affiancata da altri fondi nel deal e quali aggiustamenti effettuerà alla valutazione di Aspi dopo un'eventuale due diligence», aggiunge il broker. La fusione di Aspi con Abertis sarebbe positiva per quest'ultima, permettendole di allungare la duration delle concessioni. Sulla base dei nostri calcoli, se in futuro si arrivasse alla fusione Aspi-Abertis e Acs volesse mantenere la stessa quota di Atlantia nella nuova Abertis, dovrebbe acquisire una quota del 42-44% di Atlantia».

In ogni caso, il cda della holding infrastrutturale - supportato dai propri advisor - esaminerà anche la manifestazione d'interesse di Acs parallelamente alla proposta vincolante di Cdp-fondi. Si annunciano settimane "calde" per il dossier e gli acquisti sul titolo Atlantia ne sono la diretta conseguenza.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti