suv compatti

La nuova dimensione della Peugeot 2008 Ora è anche elettrica

Con la seconda generazione il crossover francese alza il target di riferimento

di Massimo Mambretti


default onloading pic

3' di lettura

AIX EN PROVENCE - Il numero 2008 assume un nuovo valore, poiché la seconda serie del più piccolo suv della Peugeot cresce in tutto e si presenta con una personalità più marcata rispetto a quello andato in pensione. Insomma, è più grande, più funzionale, più hi-tech e basandosi sull’architettura multi-energia Cmp abbraccia anche l’elettrificazione pura, proprio come hanno fatto le recentissime 208, Ds3 Crossback e Opel Corsa. Insomma, le altre compatte del gruppo Psa, sebbene formalmente la nuova 2008 non trasmetta l’impressione di essere tanto compatta. Certo, la lunghezza di 4,30 metri, superiore di 14 centimetri a quella della progenitrice, la porta vicina ai confini della classe media mentre le vesti imparentate con quelle della 3008 la proiettano con decisione nel territorio dei suv.

Il passaggio generazionale è altrettanto evidente nell’abitacolo per la maggiore ampiezza, dovuta anche all’incremento del passo di 6 centimetri portato in dote dal pianale Cmp, che regala più spazio per le gambe dei passeggeri posteriori, sebbene la larghezza della vettura e il tunnel centrale permettano solo a due persone di viaggiare comodamente. In compenso, la volumetria dell’abitacolo non va a discapito di quella del bagaglio (434 litri) che è più che apprezzabile per una vettura di simili dimensioni. Ma torniamo all’abitacolo, perché si allinea all’upgrading realizzativo del brand portato in scena dalla 508, replicato dalla nuova generazione della 208, e perché emana un’atmosfera gradevole oltre che hi-tech, frutto dell’intreccio fra lo stile dell’arredamento e sulle versioni di allestimento superiore dall’ultima evoluzione dell’i-cockpit. Quest’ultimo affianca alla strumentazione digitale 3D, ampiamente configurabile, il display touch dell’infotainment da 10” anziché da 7” orientato verso il guidatore. Il sistema integra il navigatore, MirrorLink, Mirror Screen, Apple CarPlay e Android Auto ma, a dispetto di molte funzionalità settabili con la tastiera da pianoforte sistemata sulla consolle centrale, non è intuitivamente utilizzabile poiché propone molti sottomenù, fra i quali c’è anche quello che permette di settare alcune funzioni della climatizzazione e la temperatura. Le novità introdotte dall’i-cockpit, sostanzialmente, si limitano alla scenografica grafica 3D poiché non permette ancora, a tanti guidatori, di raggiungere il giusto compromesso tra corretta posizione e facile lettura della strumentazione, a dispetto delle numerose regolazioni del sedile e del volante con la parte superiore appiattita. L’impatto generato dall’i-cockpit, però, aiuta a fare percepire quanto la 2008 è tecnologica.

Un’indole confermata anche dalla spigliatezza mostrata sulle strade della Provenza dalla 2008 spinta dal turbodiesel più potente (195 km/h, 0-100 in 9”3, 26,3 chilometri con un litro) che, proprio come il benzina più potente, interagisce unicamente con il cambio automatico a 8 marce. Infatti, si è rivelata equilibrata, piacevolmente istintiva da guidare grazie anche alla fluida erogazione e al brio del motore che fa affiorare un temperamento brillante, utilizzando la logica Sport. Ovviamente, quest’ultima è integrata assieme all’Eco e alla Normal nel Drive Mode che, a sua volta, rientra nel ricco corredo di sistemi elettronici che, quando tutti gli Adas sono presenti, generano anche un sistema di guida semi-autonoma di livello 2. Anche l’offerta di motori, anzi di sistemi propulsivi è ampia e decisamente raffinata per un suv di taglia compatta.

Per questo motivo la composizione della famiglia della 2008, di fatto, è paragonabile solo a quelle delle altre nuove compatte firmate Psa. Infatti, alle versioni spinte dal 1.200 turbo a benzina proposto nelle varianti con 100, 130 e 155 cv e alle interpretazioni con 100 e 130 del turbodiesel 1.500 (tutte equipaggiabili con il Grip Control per ottimizzare la trazione sui fondi a bassa aderenza) si aggiunge l’elettrica e-2008 con 136 cv, che promette un’autonomia di 310 chilometri. Anch’essa, come la maggiore parte delle consanguinee è offerta negli allestimenti Active, Allure, Gt Line e Gt, sebbene a prezzi più alti rispetto a quelli delle altre versioni poiché vanno da 38 a 44mila euro, anziché da 21 a 32mila euro. Tuttavia, al pari delle consanguinee, anche per la e-2008 sono previste formule “pay per use” che ne supportano la diffusione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...