test drive

La nuova era green di Maserati inizia con la berlina Ghibli Hybrid

Il Tridente. Abbiamo guidato la prima vettura elettrificata del marchio modenese del gruppo Fca. Sotto al cofano un quattro cilindri abbinato al sistema ibrido 48 Volt. Migliorata anche la connettività

di Simonluca Pini

default onloading pic

3' di lettura

L’elettrificazione entra in casa Maserati e lo fa con la nuova Ghibli Hybrid. Sottoposta ad un profondo aggiornamento grazie all’arrivo delle versioni model year 2021, la prima ibrida del Tridente avrà un compito decisamente importante: conquistare nuovi clienti e offrire una valida alternativa dopo l’uscita dei motori diesel. Infatti la Ghibli entro la fine dell’anno dirà addio al propulsore V6 a gasolio ma il nuovo 4 cilindri mild hybrid a 48 volt sembra avere tutte le carte in regola per essere una sostituta del diesel. L’arrivo dei modelli elettrificati sarà uno degli elementi cardini della “nuova Era” di Maserati, grazie al grande lavoro svolto all’interno dell’Innovation Lab di Modena dove 1.000 persone stanno costruendo lil futuro del Tridente a partire dalla nuova supersportiva MC20 fino alla gamma elettrica indentificata con il nome Folgore. All’atto pratico questo si tradurrà in una offerta completa mai vista in passato, che entro cinque anni porterà 20 novità di cui 13 modelli inediti.

Si partirà il prossimo anno con l’arrivo su strada della MC20 e del nuovo suv Grecale, caratterizzato da dimensioni più compatte rispetto alla Levante e prodotto su piattaforma Giorgio. Prodotta nello stabilimento di Grugliasco, la nuova Ghibli Hybrid abbina al motore termico due litri a 4 cilindri un sistema Hybrid da 48 volt con una potenza complessiva di 330 cavalli.

Loading...

Il sistema è costituito da quattro elementi: Bsg, batteria, eBooster e un convertitore Dc/Dc. Il Bgs (Belt Starter Generator) svolge la funzione di un alternatore, permette di recuperare l’energia in frenata e decelerazione e va a caricare la batteria posta nel vano baule che a sua volta serve per alimentare l’eBooster di cui è dotato il motore. Lo scopo della presenza di un compressore elettrico sulla vettura è quello di andare a supportare il turbocompressore classico, lavorando in serie con lo stesso, supportando l’erogazione di potenza del motore ai bassi regimi. La strategia di funzionamento del sistema ibrido permette di avere sempre a disposizione l’eBooster, tramite batteria o Bsg, qualora fosse necessario.

La Ghibli Hybrid pesa meno della corrispondente dotata di motore 6 cilindri, ma soprattutto ha una migliore distribuzione dei pesi, grazie al fatto che il motore è anteriore e la batteria collocata nella zona posteriore. Passando ai consumi e alle prestazioni, calano le emissioni rispetto al diesel e i consumi, secondo i dati della casa, scendono del 20% se paragonati al V6 benzina da 350 cavalli nonostante prestazioni analoghe con una velocità massima di 255 km/h e uno scatto da 0 a 100 km/h in 5.7 secondi. Esteriormente la versione a 48 volt si distingue per alcuni dettagli di colore blu e per tutte le novità introdotte dal model year 2021 tra cui la nuova griglia e i fari posteriori. Anche a bordo ritroviamo gli aggiornamenti My21, a partire dal nuovo sistema di infotainment Mia (Maserati Intelligent Assistant) con sistema operativo Android Automotive connesso e gestibile tramite lo schermo da 10.1” a pollici a centro plancia.

Provata sulle tortuose strade dell’appennino modenese, la Ghibli hybrid conferma come il piacere di guida sia uno dei punti di forza di ogni modello del Tridente. La funzione Ivc è integrata nel Maserati Stability Program per migliorare la sicurezza attiva e la dinamica di guida, mentre i sistemi Adas (arrivati al secondo livello Sae) attivi opzionali consentono di offrire una tecnologia di guida autonoma di secondo livello. Il sistema Ivc (Integrated Vehicle Control) sviluppato in collaborazione con Bosch, previene - anziché limitarsi a correggere - quegli errori che portano alla perdita di controllo della vettura, migliorando la sicurezza attiva e la dinamica di guida. Altro punto da sottolineare è il sound garantito dalla motorizzazione; nonostante i soli 4 cilindri, la Ghibli hybrid “suona veramente bene” . I prezzi partono da circa 74mila euro, ma arrivano fino a oltre 86 euro degli allestimenti GranLusso e GranSport.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti