parlamento Ue

La pandemia fa volare l’e-commerce, ecco le tutele in Europa

Secondo le proiezioni di RetailX, a fine anno in Europa varrebbe 717 miliardi di euro con un incremento del 12,7% rispetto al 2019. Ma il vero “boom” è atteso per l'anno prossimo

di Antonio Pollio Salimbeni

default onloading pic
(Agf)

Secondo le proiezioni di RetailX, a fine anno in Europa varrebbe 717 miliardi di euro con un incremento del 12,7% rispetto al 2019. Ma il vero “boom” è atteso per l'anno prossimo


2' di lettura

I confinamenti a causa della pandemia hanno dato una forte spinta al commercio elettronico. Secondo le proiezioni di RetailX, a fine anno in Europa varrebbe 717 miliardi di euro con un incremento del 12,7% rispetto al 2019. Ma il vero “boom” è atteso per il 2021. Il mercato unico digitale è una opportunità e a questo punto anche una necessità tanto da costituire una delle leve fondamentali della crescita economica su scala continentale. Il Parlamento ha passato in rassegna le normative che, con il contributo degli eurodeputati, hanno plasmato questo mercato. Grazie alle leggi Ue è possibile effettuare acquisti di beni e servizi in ogni area dell’Unione; i commercianti online non possono più fare «geoblocking», cioè i blocchi territoriali ingiustificati, che impediscono ai clienti di accedere e acquistare prodotti o servizi da un sito web basato in un altro Stato membro e obbligano a usare la versione locale del negozio, che potrebbe avere prezzi e prodotti diversi.

Le tutele per i consumatori

È sempre il consumatore a scegliere in che sito e in quale versione del negozio comprare. I commercianti devono segnalare tutti i costi sin dall’inizio. Devono fornire informazioni chiare sul prezzo totale, che deve includere tutte le eventuali tasse. I costi aggiuntivi per servizi in più come la consegna rapida o l’assicurazione viaggi possono essere aggiunti al totale solo se selezionati dal consumatore. Niente maggiorazioni di prezzo se si utilizza una carta di credito o bancomat. E ancora: ci sono 14 giorni di tempo per restituire un ordine per qualsiasi ragione e ottenere il rimborso. Ci sono alcune eccezioni per biglietti aerei, ferroviari e per i concerti oltrechè prenotazioni negli alberghi. È riconosciuto il diritto di annullare l’ordine e ricevere un rimborso, se il prodotto non viene consegnato entro la data stabilita o entro 30 giorni. Tutti i beni acquistati nei Paesi Ue, in Islanda, in Liechtenstein e in Norvegia sono protetti da una garanzia di due anni. Se il prodotto viene danneggiato durante la consegna, è difettoso o differisce dalla descrizione, il commerciante è obbligato a ripararlo, sostituirlo gratis o a offrire uno sconto o un rimborso.

Loading...

In uno studio dell’Europarlamento (https://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/STUD/2019/631044/IPOL_STU(2019)631044_EN.pdf) vengono indicati i potenziali guadagni della piena attuazione delle misure legislative emanate o che dovrebbero essere adottate: si tratta di 177 miliardi, pari all’1,2% del pil UE (del 2017) grazie al codice europeo delle comunicazioni elettroniche, al riutilizzo delle informazioni del settore pubblico, allo sportello unico digitale, al regolamento sui blocchi geografici. Di qui la necessità di accelerare gli investimenti nel settore, non a caso uno dei pilastri della strategia per la ripresa dalla pandemia. Secondo il consorzio Netcomm l’e-commerce è destinato a crescere a ritmi più intensi di quello dell’economia globale.
Antonio Pollio Salimbeni.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti