Flotte Aziendali

La pandemia riavvia la spesa della Pa per i trasporti

di Vincenzo Conte

2' di lettura

Nell’ambito della mobilità della Pubblica Amministrazione sono due le principali categorie di spesa gestite da Consip: veicoli senza conducente e autobus urbani ed extraurbani (per il trasporto pubblico locale). Secondo i dati di Consip, la spesa annua per tali merceologie ammonta a 1,5 miliardi di euro, di cui circa 1 miliardo per il trasporto pubblico locale, 220 milioni per veicoli blindati e per le forze di sicurezza e 270 milioni per gli altri veicoli.

Negli anni la spesa per la mobilità ha registrato una progressiva contrazione. Questo per due motivi: da un lato per i provvedimenti normativi che hanno interessato l’approvvigionamento di autoveicoli (ad esempio la riduzione progressiva della spesa per acquisto, manutenzione, noleggio ed esercizio di autovetture, la riduzione del numero dei soggetti assegnatari di auto di servizio e il divieto di acquisto di veicoli); dall’altro lato la diminuzione della spesa per la mobilità è avvenuta per il ruolo svolto da Consip in qualità di centrale acquisti della PA, grazie alle economie di scala legate all’aggregazione della domanda.

Loading...

Il programma di razionalizzazione degli acquisti della PA ha da sempre lo scopo di offrire alle amministrazioni strumenti di e-procurement per la gestione dei propri acquisti. Consip sottolinea che «il maggior ricorso al noleggio di veicoli, fortemente incentivato dai vincoli normativi, ha permesso un più rapido rinnovo del parco auto e la dismissione dei veicoli con anzianità più elevata; oggi la PA noleggia più di quanto compri».

A partire dal 2003, grazie al suo intervento come centrale unica di acquisto della PA nel settore automotive, in particolare nel noleggio a lungo termine, Consip ha di fatto messo le amministrazioni (soprattutto le più piccole) nelle condizioni di poter accedere a prezzi e servizi impossibili da ottenere precedentemente con singole gare di appalto. Tramite gli strumenti di e-procurement e la standardizzazione di prezzo e condizioni di servizio, Consip ha facilitato un’omogeneità a livello nazionale del servizio di noleggio prima sconosciuta.

I vantaggi delle iniziative Consip nel settore noleggio a lungo termine possono essere così riassunti: ottimizzazione delle risorse necessarie per la pubblicazione delle gare di appalto; limitazione dell’incidenza sui capitoli di spesa per investimento; certezza nella pianificazione del budget annuale di spesa; sgravio dalle attività quali la gestione della manutenzione e delle pratiche di dismissione dei mezzi obsoleti; flessibilità nella gestione del parco auto.

Al momento si stima un parco auto della PA circolante a noleggio proveniente dalle iniziative Consip superiore alle 25.000 unità: la stessa centrale d’acquisto considera i risultati complessivi ottenuti negli anni più che soddisfacenti, tenendo sempre presenti le nuove opportunità da cogliere in un settore in continua evoluzione e le esigenze di mobilità molto eterogenee delle amministrazioni pubbliche. Nonostante l’impatto che l’emergenza Covid-19 ha avuto sul mondo e sui settori legati alla mobilità, l’andamento degli ordini delle amministrazioni non ha subito grandi flessioni e il rinnovo delle flotte ha mantenuto un andamento in linea con il passato. Anzi, nel caso del trasporto pubblico, l’emergenza ha dato un impulso alle amministrazioni locali nel velocizzare lo svecchiamento del proprio parco veicoli, con mezzi che possano garantire maggiore tutela della salute dei passeggeri a bordo.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti