ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùgrafinomix

La prossima grande crisi sarà nel 2027. Lo dicono i 3 cicli dell’economia

di Maximilian Cellino


default onloading pic

3' di lettura

«La prossima grande crisi finanziaria? Non sarà prima del 2027». I segnali di rallentamento della crescita globale, il braccio di ferro Cina-Usa sui dazi commerciali, le incertezze politiche dell’Eurozona e la mina Brexit tengono sulle spine gli economisti (un po’ meno, di questi tempi, gli investitori), ma non sono evidentemente in grado di creare un corto circuito simile a quello visto nel 2008-2009. A sostenerlo è Simon Ward, economic adviser di Janus Henderson, che basa la propria analisi sullo studio dei tre grandi cicli dell’economia: quello delle scorte industriali, quello degli investimenti delle imprese e quello del settore immobiliare.

PER SAPERNE DI PIÙ / L'Indice Ifo delude ancora. Ora la Germania rischia la recessione al 40% (ma i mercati lo ignorano)

I tre cicli da considerare
La durata di queste fasi economiche è infatti differente: relativamente più breve quella delle scorte (ciclo di Kitchin, 3-5 anni), di media durata quella degli investimenti (ciclo di Juglar, 7-11 anni) e decisamente lunga quello immobiliare (ciclo di Kuznets, 15-25 anni). Ed è soltanto quando il rallentamento è sincronizzato che si verificano le crisi finanziarie più profonde: così è avvenuto per esempio nel 1990-91 e ovviamente nel 2008-2009, quando le conseguenze sono state in effetti piuttosto disastrose. La prossima coincidenza si potrebbe appunto verificare nel 2027 e nel frattempo, secondo Ward, potremo assistere «soltanto» a rallentamenti dei cicli delle scorte e degli investimenti , magari anche recessioni localizzate, ma certo niente di paragonabile agli sconvolgimenti post-Lehman.

I dati in nostro possesso fino a questo momento non sono così negativi da rendere la recessione lo scenario centrale

Una frenata di questo tipo è in effetti già in atto, visto che nel 2019 si chiudono appunto simultaneamente i cicli di scorte e investimenti, ma non è detto che questa dinamica sia destinata per forza a sfociare in una recessione, anche in Europa. «L’attuale frenata sarà sicuramente più marcata rispetto a quella sperimentata nel 2012 e nel 2016 e potrebbe trasformarsi in recessione -avverte infatti Ward - ma i dati in nostro possesso fino a questo momento non sono così negativi da rendere questo lo scenario centrale: sarà probabilmente necessario un ulteriore shock esterno, come per esempio una escalation della guerra commerciale fra Usa e Cina o una Brexit senza accordo, per renderla inevitabile».

La Bce e i suoi errori (passati)
In più, parlando di Eurozona, occorre considerare anche i possibili interventi della Banca centrale europea, che se da una parte ha forse le armi già piuttosto spuntate, dall’altra però ha secondo l’economista di Janus Henderson se non altro evitato di ripetere gli errori del 2008 e del 2011 «quando in maniera poco lungimirante effettuò una stretta sui tassi nel momento in cui il rallentamento era già in atto». Più delicata appare invece la situazione della Gran Bretagna, che deve ovviamente fare i conti con l’incognita Brexit e con le conseguenze di un’eventuale uscita «disordinata» dall’Unione europea. Mentre negli Stati Uniti l’inversione della curva dei tassi dei titoli di Stato non è stavolta necessariamente un segnale affidabile di una futura recessione «perché - spiega Ward - la frenata è stavolta collegata principalmente a fattori esterni e potrebbe per esempio essere legata alla Cina».

PER SAPERNE DI PIÙ / Draghi: «Rischi al ribasso per l'economia, Bce pronta ad agire»

Mercati lungimiranti o spregiudicati?
L’altra nota interessante è legata ai mercati, perché in generale l’analisi dei cicli economici (e in particolare di quelli che riguardano le scorte) è rilevante per capire le loro prospettive nel breve-medio termine. «Il rallentamento dura in genere attorno ai 18 mesi e, visto che in questo caso è iniziato nei primi mesi del 2018, mi aspetto possa protrarsi per altri sei mesi», nota ancora Ward, sottolineando come storicamente il fenomeno di inversione «si sia rivelato un buon segnale di acquisto». Il terzo trimestre 2019 potrebbe quindi ragionevolmente rivelarsi anche il punto più basso dell’attuale ciclo economico, ma i mercati si sono in realtà mossi in anticipo. Se si sia trattato di lungimiranza, o semplicemente di azzardo lo capiremo probabilmente nel 2020.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Maximilian CellinoRedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: italiano, inglese, tedesco

    Argomenti: Mercati finanziari, politiche monetarie, risparmio gestito, investimenti, fonti alternative di finanziamento, regolamento del sistema finanziario

    Premi: Premio State Street 2017 per il giornalista dell'anno - Categoria Innovazione

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...