Sale in zucca

La psicosi della disoccupazione che alimenta la «guerra tra poveri»

di Giancarlo Mazzuca


default onloading pic
La protesta degli abitanti di via Dei Codirossoni contro l'arrivo di alcune famiglie nomadi, Roma, 3 aprile 2019 (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

2' di lettura

Nei quartieri poveri delle città d'Italia sta salendo ogni giorno di più la rabbia dei residenti contro i centri d'accoglienza degli immigrati presi di mira da accerchiamenti, scontri, urla e cartelli inneggianti alla rivolta. Basta guardare la tv: le forze dell'ordine – è il caso della periferia romana - hanno fatto davvero fatica, nell'ultima settimana, a contenere la protesta della strada che monta. Molti si chiedono: il Belpaese è stato sommerso da una xenofobia montante? O anche: siamo diventati tutti sovranisti? Ma la ragione di fondo è un'altra: con un barometro dell'economia che continua a segnare brutto tempo, la psicosi della disoccupazione finisce per alimentare una “guerra tra poveri” che non promette nulla di buono.

Alcuni dati sono particolarmente preoccupanti. Ne cito uno: sono 1,2 milioni i bambini e gli adolescenti di casa nostra che vivono in condizioni di povertà assoluta senza distinzioni tra piccoli e più grandicelli. Ma anche la povertà relativa colpisce un minore su cinque. Di più: non sono soltanto le ristrettezze economiche di molte famiglie a pesare sul futuro di questi ragazzi perché anche l'ambiente in cui vivono ha un enorme impatto nel condizionare il loro futuro. Pochi chilometri di distanza tra un quartiere e l'altro possono significare per questi ragazzi (ma pure per i meno giovani) vite anche diametralmente opposte.

E dentro le mura della stessa città il “gap” scolastico per le nuove leve può essere enorme da un quartiere e l'altro. Cominciamo proprio dalla capitale: nei quartieri benestanti a nord di Roma i laureati (oltre il 42%) sono quattro volte di più di quelli che abitano nelle periferie esterne o prossime al grande raccordo anulare. Ancora più ampia è la forbice a Milano: il rapporto dei laureati sul totale è di 7 a 1 tra Pagano e Magenta-San Vittore (51,2%) e Quarto Oggiaro (7,6%). Passiamo al Sud: se nel quartiere Vomero di Napoli i 15-52enni senza diploma di scuola secondaria di primo grado rappresentano il 2%, a Scampia sfiorano il 20%. A Palermo si va dal 2,3% di Malaspina-Palagonia al 23% di Palazzo Reale-Monte di Pietà.

Differenze sostanziali tra una zona e l'altra riguardano, poi, i giovani tra i 15 e i 29 anni (chiamati “Neet”) che non studiano più, sono senza lavoro e non sono neppure inseriti in nessun circuito di formazione: nel capoluogo lombardo sono, in zona Tortona, meno di un terzo (il 2,3%) di quelli che risiedono in zona Triulzo Superiore (14,1%) mentre a Roma sono il 7,5% a Palocco e il 13,8 ad Ostia Nord. Una volta, come raccontava il film con Maurizio Arena e Renato Salvatori, c'erano i “poveri ma belli”. E oggi con la recessione dietro l'angolo?

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti