ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEconomia

La Regione approva il Piano Industriale Strategico della Lombardia

Guidesi: «Guarda al futuro e testimonia la natura manifatturiera della nostra regione, un'eccellenza che vogliamo mantenere»

di Flavia Carletti

(franco ricci - stock.adobe.com)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Varato il Piano Industriale Strategico della Lombardia. Il 28 dicembre 2022, la Giunta regionale della Lombardia, su proposta dell'assessore allo Sviluppo Economico Guido Guidesi, ha approvato il documento che definisce le azioni fondamentali e gli obiettivi di sviluppo verso cui orientare e concentrare le prossime iniziative e gli investimenti con una visione proiettata al 2030 e al 2050. Si tratta di una strategia che consente alla Lombardia di consolidare il posizionamento a livello internazionale grazie a uno sviluppo economico sempre più competitivo e sostenibile.

Lombardia prima regione industriale in Europa

La Lombardia è la prima regione industriale in Europa in base alla classificazione NUTS2 dell’Unione europea, con un valore aggiunto nel 2019 di 80,4 miliardi di euro e si posiziona davanti ai lander tedeschi del Baden-Wurttemberg e della Baviera. È dal 2015 che la classifica delle 10 regioni più industrializzate d’Europa resta pressoché stabile (con tre italiane, oltre alla Lombardia il Veneto e l’Emilia-Romagna, quattro tedesche, due francesi e una spagnola) e le prime 5 posizioni non hanno subito variazioni, con la Lombardia in testa. La crescita della Lombardia e del Nord Est negli ultimi anni è stata superiore alla media europea e anche il 2022 ha confermato il trend.

Loading...

Guidesi: «Manteniamo l'eccellenza lombarda»

In questo quadro si inserisce il piano approvato dalla Giunta regionale che rientra nel percorso avviato a partire dal 2021 dall'assessorato allo Sviluppo Economico per sostenere il sistema produttivo lombardo nella fase post pandemica così da confermare la Lombardia al suo ruolo naturale di motore economico del Paese. «Da oggi la Lombardia ha un piano strategico industriale che guarda al futuro e che testimonia la natura manifatturiera della nostra regione; un'eccellenza che vogliamo mantenere anche per il futuro», ha affermato l'assessore Guido Guidesi.

Identificate le linee strategiche al 2030

In particolare, il piano, in coerenza con la nuova Strategia Industriale Europea, fotografa e approfondisce il contesto socio-economico lombardo - in termini di ecosistemi e specializzazioni industriali, di impatto della tassonomia delle attività sostenibili e di fattori strategici di sviluppo - individuandone punti di forza e debolezza e il posizionamento rispetto all’Europa, ai Quattro motori e all’Italia, anche alla luce dei documenti di programmazione regionale di maggior rilievo per le tematiche di riferimento, per poi identificare linee strategiche e obiettivi di sviluppo verso cui orientare e concentrare le prossime iniziative e investimenti con orizzonte 2030 e 2025 per migliorare il posizionamento di Regione Lombardia a livello internazionale e garantire uno sviluppo economico sempre più competitivo e sostenibile.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti