gli scooter

La ripartenza? I produttori puntano sui 125

Dopo un 2020 difficile, e senza la ripresa di fine anno, le case lanciano i nuovi modelli -Piccole cilindrate e nuovo design il tratto comune

di Gianluigi Guiotto

default onloading pic

Dopo un 2020 difficile, e senza la ripresa di fine anno, le case lanciano i nuovi modelli -Piccole cilindrate e nuovo design il tratto comune


3' di lettura

Si chiude un anno molto difficile per i produttori di scooter che, nel periodo da luglio a settembre, non hanno conosciuto l’insperato recupero che ha invece interessato le moto, dopo i primi sei mesi bui. Le immatricolazioni di scooter segnano, infatti, un calo del 6% medio nei primi 10 mesi del 2020. Il segmento che macina più vendite è quello dei 125 cc ed è qui che si concentrano le prime novità del 2021, tutte rispondenti alla normativa Euro 5, in vigore dal 1° gennaio sulle nuove immatricolazioni.

Con un’importante eccezione: l’Honda Sh350, già disponibile dai concessionari. La casa nipponica, infatti, ha messo mano all’ammiraglia della famiglia Sh – dominatrice del mercato a due ruote dal 2002 – dopo aver rivisto a fondo lo scorso anno le cilindrate inferiori (Sh125 ed Sh150 model year 2020, entrambe con motore Euro 5). Nella versione 2021, il maggiore di famiglia cresce di cilindrata e passa da 279 a 330 cc con un potenza di 28,3 cv, 3 cv in più rispetto alla versione precedente. Così il nuovo Sh arriva a 134 km/h effettivi e percorre 200 metri con partenza da fermo in 10 secondi circa. Il telaio è tutto nuovo e pesa 1 kg in meno; ora il peso in ordine di marcia è di 174 kg. Di serie l’Sh350 ha la Smart Key per l’avviamento senza chiave che comanda anche l’apertura del bauletto da 45 litri.

Loading...

Honda ha voluto rinfrescare la sua presenza tra gli scooter 125 rinnovando il ruote basse Pcx125, sia nell’estetica sia nella dotazione (sottosella più grande, presa Usb tipo C, accensione Smart Key, controllo di trazione) e l’Sh 125 Mode: design rivisto, motore tutto nuovo (mutuato da quello dell’Sh 125i) e dotazione più ricca, con presa Usb nel portaoggetti e sistema Start&Stop che contribuisce ad abbattere i consumi a 50 km/l.

Anche Piaggio ha presentato qualche mese fa la nuova versione del suo Medley, ruote alte che sfida gli Honda Sh, con i nuovi motori i-get 125 e 150 cc e un nuovo design. Il nuovo design pone l’accento sulla sportività: il frontale è stato totalmente ridisegnato, così come il manubrio, che accoglie il nuovo proiettore anteriore full led e un’inedita strumentazione lcd digitale. Il nuovo Medley introduce il sistema Piaggio Mia (di serie sulla versione S) con il quale è possibile collegare il proprio smartphone al veicolo via Bluetooth e gestire le telefonate, i comandi vocali e la musica tramite la strumentazione e i comandi al manubrio. Di serie è la funzione “Start & Stop”, che contribuisce al contenimento di consumi ed emissioni.

Sym ha annunciato con largo anticipo tutte le sue novità per il 2021, tra le quali spicce il Symphony ST, il modello più venduto in Italia della casa taiwanese : il ruote alte ha un look sportivo e sfoggia luci a led, un display completamente digitale, la presa Usb, sospensioni posteriori regolabili e un sottosella molto spazioso (vi entrano due caschi). Omologato Euro 5, il Symphony model year 2021 è disponibile nelle cilindrate 200, 125 e 50. Sym ha rinnovato anche due “passisti” del suo listino: il Maxsym 400, con telaio più leggero del 18,5% rispetto al predecessore, sospensione posteriore regolabile su 5 posizioni, controllo di trazione per il monocilindrico di 399 cc e 34 cv e inedito gruppo ottico a led, e avviamento keyless. Novità anche per il Maxysm TL, con il motore bicilindrico che passa da 465 a 508 cc e 44 cv, e l’avviamento keyless.

Anche se caratterizzato da cifre molto contenute, il settore elettrico ha conosciuto una crescita a tre cifre percentuali anche grazie agli incentivi statali. La vicentina Askoll presenta una nuova famiglia, la Ngs sviluppata con Italdesign, composta da tre scooter, più confortevoli e dal design più ricercato: sono Ngs1, Ngs2 ed Ngs3 con autonomia e velocità crescenti, rispettivamente, 40 km e 45 km/h, 71 km e 45 km/h, e 96 km e 66 km/h. Tutti montano freni a disco (tranne il posteriore dell’Ngs1) e ruote da 16”, sicure sui pavè cittadini. Come tutti gli Askoll, anche gli Ngs hanno batterie estraibili che si ricaricano da qualsiasi presa elettrica o direttamente dallo scooter con il caricabatteria.

Lanciando uno sguardo al futuro, Bmw ha presentato il concept di scooter elettrico CE 04, pensato per gli spostamenti cittadini; non c’è ancora la scheda tecnica, ma si sa che sarà spinto da un motore elettrico fissato al telaio, con le batterie posizionate nel pianale, la sospensione posteriore monobraccio e la trasmissione a cinghia dentata. Mentre la connettività con lo smartphone è ormai pratica quotidiana, la novità riguarda l’abbigliamento, un parka con le protezioni tradizionali ma anche guide luminose nelle maniche e nel cappuccio.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti