Opinioni

La ripresa post-Covid passa dalle politiche fiscali, non monetarie

Tempi eccezionali richiedono misure eccezionali. Ma dobbiamo evitare di ripetere l’errore commesso con le politiche di austerità nel 2010

di Paola Subacchi

default onloading pic
(EPA)

Tempi eccezionali richiedono misure eccezionali. Ma dobbiamo evitare di ripetere l’errore commesso con le politiche di austerità nel 2010


4' di lettura

Con l’output crollato a causa della pandemia di COVID-19, molti si chiedono fino a che punto si può esasperare la politica monetaria per sostenere l’economia. Per la Federal Reserve americana, i tassi di interesse negativi sembrano rappresentare un limite effettivo, non perché una tale politica sia tecnicamente irrealizzabile, ma perché sarebbe politicamente inaccettabile. Eppure per la Banca Centrale Europea, la Banca d’Inghilterra e la Banca del Giappone, sembra non esserci alcun limite.
La Bce ha da tempo tagliato i tassi fino a portarli in territorio negativo, e secondo quanto riferito il governatore della BoE Andrew Bailey «sta guardando con molta attenzione» a quell’opzione per il Regno Unito. Allo stesso modo, il governatore della BoJ Haruhiko Kuroda, pur ritenendo che l’attuale mix di politiche della BoJ sia adeguato alle condizioni attuali, non ha escluso un ulteriore allentamento monetario o un altro aumento degli acquisti di attività.

La domanda è se ha senso procedere lungo la strada di una politica monetaria estrema. La famosa promessa dell’ex presidente della Bce, Mario Draghi, di fare «tutto il necessario» per sostenere l’euro è diventato il mantra di tutti i politici che affrontano l’attuale crisi. Ma una politica fiscale espansiva non sarebbe un modo migliore per rispettare tale impegno? Per parafrasare il presidente della Fed Jerome Powell, le banche centrali hanno potere di prestito, non di spesa – e la spesa è ciò che è necessario.

Nell’attuale crisi, è indispensabile che il denaro raggiunga i più bisognosi il più rapidamente possibile. La disoccupazione ha raggiunto livelli record in molti Paesi: oltre 20 milioni di persone negli Stati Uniti hanno perso il lavoro solo in aprile, spingendo il tasso di disoccupazione degli Stati Uniti al 14,7%, portandolo sulla strada giusta per raggiungere il 20-25% quest’anno. In queste condizioni, ciò di cui gli Stati Uniti e la maggior parte degli altri Paesi hanno bisogno è la spinta di una politica fiscale ampia e sostenuta, intrapresa in coordinamento con la politica monetaria. Senza di ciò, una recessione prolungata e una disoccupazione alle stelle di lunga durata sono destinate a essere molto più probabili.

Un’espansione fiscale dovrebbe avere due obiettivi principali. In primo luogo, deve aiutare le persone, le famiglie e le imprese a superare la crisi. A questo proposito, le misure di politica fiscale adottate negli Stati Uniti e in altre economie avanzate sono state opportune. Alla fine di marzo, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato un pacchetto di stimolo da 2 trilioni di dollari per sostenere famiglie, aziende e operatori sanitari, e i Democratici alla Camera dei Rappresentanti hanno ora approvato un altro pacchetto che propone 3 trilioni di dollari di spesa aggiuntiva.

Nel frattempo, nell’Unione europea, le regole di bilancio sono state sospese, consentendo ai governi degli Stati membri di perseguire misure fiscali discrezionali più ambiziose, dagli aumenti di spesa e sgravi fiscali al sostegno salariale e sussidi per le piccole e medie imprese.

Il secondo obiettivo dell’espansione fiscale è favorire la ripresa economica sostenendo la domanda interna. Qui, purtroppo, le politiche offerte sono state molto inferiori, aumentando il rischio di ripetere l’errore commesso dopo la crisi finanziaria globale del 2008, quando lo stimolo fiscale è stato ritirato troppo presto.

In quell’occasione, fare affidamento sulla politica fiscale per stimolare la domanda è stato dichiarato politicamente irrealizzabile. Sebbene la recessione fosse ancora considerata abbastanza grande da giustificare politiche monetarie eccezionalmente sciolte, l’establishment politico negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in gran parte dell’Europa si è coalizzato attorno all’austerità, soffocando la ripresa nella culla e gettando le basi per crescenti disuguaglianze e malcontento sociale.

Questa volta, le principali banche centrali hanno silenziosamente spinto verso la ricerca di «ulteriore sostegno fiscale» al fine di «evitare danni economici a lungo termine» e favorire una «ripresa più forte». Tale sostegno è necessario anche per alleviare la pressione sulle banche centrali. Nel frattempo, ci sono buone ragioni per evitare di percorrere la strada di una politica monetaria più estrema.

Innanzitutto, le politiche monetarie estreme tendono a limitare la possibilità di future politiche di signaling, e a ridurre l’efficacia dei tassi di interesse, che, in condizioni normali, sono potenti strumenti per influenzare la produzione e l’occupazione. In secondo luogo, potrebbero aggravare le vulnerabilità pre-pandemiche che stavano già minacciando l’economia mondiale, non da ultimo l’accumulo di debito, la cattiva allocazione del credito e l’eccesso di liquidità nel settore aziendale (dove troppe imprese hanno bilanci problematici).

Queste preoccupazioni portano al terzo punto: l’ulteriore allentamento delle condizioni del credito e l’espansione di programmi di credito con sostegno pubblico potrebbero portare più debito verso le imprese che non sono in grado di trasformarlo in valore. Le imprese “zombi” in bancarotta sarebbero mantenute artificialmente in vita. Anche se per ora tali misure hanno conservato posti di lavoro, ciò non significa che rappresentino l’uso più efficace delle risorse finanziarie. Il “decennio perduto” del Giappone dovrebbe servire da ammonimento. Più a lungo le aziende zombi si trascineranno, maggiori saranno le perdite quando alla fine collasseranno.

Infine, fare affidamento sulla politica monetaria quando la politica fiscale sarebbe più appropriata rischia di rafforzare l’eccessiva preferenza degli investitori per la liquidità, aggravando così la trappola della liquidità. Va da sé che politiche monetarie estreme possono generare conseguenze estreme e inaspettate. Sebbene la politica monetaria non convenzionale sia ormai diventata la norma, non siamo ancora del tutto sicuri di come funzioni o di come influenzi le aspettative e il comportamento delle persone.

A dire il vero, se la portata della politica monetaria è limitata, anche lo spazio per la politica fiscale è ristretto. Ma l’attuale emergenza e la minaccia di una profonda recessione (o persino di una depressione) indubbiamente richiede politiche fiscali audaci e “non convenzionali” supportate da altri strumenti, come il “Fondo europeo per la ripresa” recentemente proposto da Francia e Germania, e strumenti innovativi del mercato dei capitali come le obbligazioni perpetue, che sono stati proposti anche per l’UE.

Tempi eccezionali richiedono misure eccezionali. Ma dobbiamo evitare di ripetere l’errore commesso nel 2010, quando i governi hanno spinto sui freni della politica fiscale mantenendo su di giri il motore della politica monetaria. Oggi più che mai, è indispensabile impedire l’ulteriore aggravamento delle disparità esistenti. Solo la politica fiscale può far avanzare questo obiettivo.

Paola Subacchi, Professore di Economia Internazionale presso il Queen Mary Global Policy Institute dell’Università di Londra, è l’autrice, più recentemente, di The Cost of Free Money.

Copyright: Project Syndicate, 2020

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti