Sistema moda

La rivincita delle fiere: Micam, Mipel e theOne oltre le aspettative

Buyer dall’Italia e dall’estero (Cina esclusa) a Milano per le collezioni della primavera-estate 2022 delle 735 aziende presenti ai tre eventi

di Giulia Crivelli

L’inaugurazione del Micam, il Salone del calzaturificio. (Ansa)

2' di lettura

Tre giorni di fiere tornate in presenza, gustoso e autentico antipasto delle sfilate, presentazioni ed eventi della settimana della moda donna a Milano. Buyer e operatori dallo scorso weekend hanno animato la città e fatto ripartire alberghi, ristoranti e servizi, oltre naturalmente ad affollare i padiglioni di Fiera Milano a Rho, come mostrano i dati sull’affluenza a Micam (calzature), Mipel (pelletteria) e theOneMilano (abbigliamento). In tre giorni si sono registrati 22.274 ingressi: operatori dall’Italia e dall’estero (Cina esclusa) arrivati per vedere (e comprare) le collezioni per la primavera-estate 2022 delle 735 aziende presenti ai tre eventi.

Micam: l’edizione del rinascimento

Soddisfatto Siro Badon, presidente di Assocalzaturifici e di Micam: «È stata l’edizione del rinascimento. I veri protagonisti sono stati gli espositori e vedere nei loro occhi l’entusiasmo di chi finalmente sta cominciando a mettersi alle spalle una congiuntura difficile non ha prezzo». Come tutte le grandi fiere, Micam si conferma hub per il rilancio delle imprese e vetrina sui mercati esteri. «L’entusiasmo di cui parlo è legato anche ai numeri: dopo la crisi del 2020, nel primo semestre di quest’anno è cresciuta sia la produzione industriale (+13%) delle calzature sia il fatturato (+22%) – ha aggiunto Badon –. In aumento pure la spesa delle famiglie italiane (+17,4%) e l’export (+31,5% in valore)».

Loading...

Mipel: premiate le novità

Giustificato ottimismo anche da parte di Franco Gabbrielli, presidente di Mipel: «I risultati sono persino superiori alle aspettative, sono state premiate le novità di questa edizione. A partire dal concept Mipel Play, celebrato con la presenza speciale degli atleti olimpici italiani che ci hanno fatto sognare quest’estate. Lo stesso spirito – ha sottolineato Gabbrielli – che animerà la prima edizione di Mipel Lab al via domani (oggi per chi legge, ndr) e che sarà di ispirazione per le tante attività che ci attendono nei prossimi mesi».

Per le edizioni di settembre, le fiere avevano scelto l’hashtag #restarttogether, una ripartenza “di sistema” che prosegue, ha ricordato Luca Palermo, amministratore delegato di Fiera Milano: «La nostra cordata non si limita a Micam, Mipel e theOneMilano: il giorno prima si era chiusa con successo Homi Fashion&Jewels, che ha registrato 12.275 visitatori, e ora passiamo il testimone a Lineapelle». Secondo Luca Palermo la sequenza di appuntamenti «dimostra l’importanza di fare sistema e la centralità delle fiere per far ripartire un comparto produttivo determinante per il Paese».

Il format solido di theOne Milano

Dello stesso parere Norberto Albertalli, presidente di theOne Milano: «È un successo per tutti e di tutti e che ben rappresenta la forza del settore dell’accessorio e si propone come un format solido e capace di attrarre buyer dall’Italia e dall’estero, anche grazie ad Agenzia Ice». Torna anche Lineapelle e al pari di Micam e Mipel è ricca di nuovi contenuti, come A new point of materials: accanto all’esposizione ragionata di pelli e materiali, in agenda ci sono talk su produzione, finanza aziendale, retail e sull’innovazione responsabile e sostenibile.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti