le sanzioni usa

La rottura di Trump con l’Iran mette a rischio 30 miliardi per l’Italia

di Laura Cavestri

default onloading pic
(REUTERS)


4' di lettura

E adesso? Con gli ordini in corso, le commesse avviate, i pagamenti anticipati già ricevuti e i prestiti garantiti? Il pugno in pieno viso – assestato dagli Usa alle Pmi e alle multinazionali europee – è di quelli che fan male. Peggio, però, potrebbe essere il contraccolpo.Perché, tra protocolli d’investimento sottoscritti dalle grandi imprese italiane – per un potenziale di investimenti, nei prossimi anni, di 27 miliardi – e 2 miliardi di export attesi (l’interscambio complessivo è di 5 miliardi perché noi abbiamo acquistato, l’anno scorso, molto di più, ovvero 3 miliardi di greggio), una chiusura del doppio binario economico tra Italia e Iran rischia di “congelare” 30 miliardi di euro di business.

Ma in ballo c’è molto di più. Gli Usa hanno dato 90-180 giorni di tempo per porre termine ai vecchi contratti in Iran e proibire la stipula di nuovi se si vogliono evitare sanzioni da parte americana. Si chiama “principio di extraterritorialità” delle leggi americane in base al quale gli Usa possono sanzionare le imprese non Usa che fanno affari con Paesi sotto embargo se hanno rapporti con gli Stati Uniti o se usano dollari per le transazioni. In pratica, davanti a un’Europa “riottosa” a seguirla, l’amministrazione Usa potrebbe decidere di “punire”, nell’export verso gli Stati Uniti, le aziende europee. Che, quindi, si troverebbero a dover fare una scelta di campo, tra lavorare con Teheran (che, per l’Italia, vale, al momento, meno di 2 miliardi di solo export) o con Washington (che ne vale 40). Al momento, la preoccupazione principale è questa.

«Per un Paese ad alta vocazione di export – ha detto ieri il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia – e con gli accordi che abbiamo fatto in Iran, questa situazione può farci male». Per Emma Marcegaglia, presidente di Eni ma anche di Business Europe (la Confindustria europea), «al momento non è facile quantificare l’impatto economico possibile per le imprese europee. Abbiamo bisogno di chiarezza legale».

«Con l’Iran abbiamo rapporti da più di 10 anni – sottolinea Alessio Tonelli, sales manager della Pietro Fiorentini (300 milioni di fatturato 2017 e circa 2mila addetti) a Teheran dove, in questi giorni, si svolge proprio la fiera Iran Oil Show 2018 nella quale espongono anche 12 aziende italiane – . Forniamo valvole e componenti per impianti e non siamo mai usciti dal mercato. Sulle forniture per progetti più ampi siamo rientrati, invece, l’anno scorso». Che succede ora? «Per 3 mesi – spiega – mi pare niente. Nel frattempo contiamo sul fatto che si tratterà per evitare conseguenze sul business. Noi abbiamo ordini presi a gennaio da evadere in 8-10 mesi. Per ora la produzione va avanti, con pagamenti anticipati a copertura dei costi e in anticipo sulla consegna. Per fortuna, abbiamo uno stabilimento produttivo negli Usa che serve solo il mercato americano, cosa che dovrebbe metterci al riparo da eventuali iniziative Usa verso le imprese Ue che lì esportano».

«Non abbiamo mai investito seriamente sull’Iran, proprio per l’incertezza politica che aleggiava sul Paese – spiega Daniele Archetti, sales manager oil & gas della bresciana Turboden (80 milioni di fatturato e 250 dipendenti circa) che fa turbogeneratori–. Ci sarebbe un buon potenziale di crescita. Ma abbiamo un 10% di fatturato sul mercato Usa. Soprattutto, la quota di maggioranza dell’azienda è in mano a Mitsubishi. Uno stop potrebbe arrivare da considerazioni della “casa madre”».

«Dal 2015 la componentistica oil&gas irtaliana in Iran è cresciuta del 33% – ha detto Alberto Caprari, presidente di Anima (l’associazione della meccanica varia) – . Non possiamo subire una scelta forzata, tra esportare negli Stati Uniti od in Iran».

Secondo le previsioni di Sace, al netto delle sanzioni, nel 2018, la crescita attesa del nostro Made in Italy in Iran dovrebbe sfiorare i 2 miliardi di export (+9% sull’anno scorso). In testa la meccanica (dalla componentistica ai macchinari) che doveva raggiungere il miliardo di vendite. Dietro la chimica e gli apparecchi elettrici. Il colpo più duro, però, è quello alle grandi imprese. Sinora, il rischio politico aveva impedito a Sace di garantire coperture su operazioni oltre i 24 mesi. Cioè i grandi progetti di ampio respiro. A gennaio, con un accordo con due banche iraniane, era intervenuto il ministero dell’Economia, attraverso Invitalia Global Investment, ad assicurare linee di credito per 5 miliardi. Si attendeva solo il decreto attuativo. Non arriverà.

A ottobre Ansaldo Energia ha firmato un memorandum d’intesa in Iran per la fase 12 del mega giacimento South Pars, che ha riserve stimate in 14 miliardi di metri cubi di gas. Nello stesso periodo, Maire Tecnimont ha sottoscritto un accordo di consulenza ingegneristica con il complesso petrolchimico Ibn-e Sina di Hamedan in Iran. Ma aveva già firmato un memorandum d’intesa da un miliardo con Persian Gulf Petrochemical Industries Company. Fs ha già concluso l’accordo da 1,2 miliardi di dollari per la linea ferroviaria Arak-Qom. Ma in ballo c’è anche l’alta velocità Teheran-Qom-Isfahan. Per non parlare di IranAir, che aveva ordinato 200 aerei commerciali per 38 miliardi di dollari, di cui 100 commissionati alla compagnia Airbus e 20 a Atr, di proprietà, oltre che di Airbus, anche di Leonardo. Operazioni che rischiano di arenarsi a causa della forte percentuale di componenti statunitensi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti