ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Borse chiudono in rialzo grazie all'energia, gas oltre 160 euro. Spread torna sopra 200

Wall Street chiusa per il giorno dell'Indipendenza. Ancora attenzione alle banche centrali, in settimana arrivano i verbali di Fed e Bce. Il governatore della Bundesbank contrario a scudo anti-spread

di Flavia Carletti e Andrea Fontana

La Borsa, gli indici del 4 luglio 2022

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Gli acquisti sui petroliferi, e più in generale sui gruppi dell'energia, tengono a galla le Borse nella prima seduta settimanale visti i rincari di gas e petrolio: dopo una ottava negativa per i listini (Piazza Affari ha perso il 3,5% e lo Stoxx600 ha ceduto l'1,4%) e con Wall Street chiusa per la Festa dell'Indipendenza, i principali indici hanno chiuso in positivo. La frenata dei bancari ha contribuito a limitare i guadagni dei listini in particolare di Piazza Affari (FTSE MIB) e di Madrid (IBEX 35) mentre Francoforte (DAX 40)ha pagato il rosso del settore auto. Londra (FT-SE 100) è stata la migliore insieme ad Amsterdam e a Parigi.

La settimana sarà dominata dalla pubblicazione dei verbali della riunione del Fomc, il comitato di politica monetaria della Federal Reserve, e dei dati del mercato del lavoro di giugno. I verbali dovrebbero confermare la determinazione della Fed a piegare l’inflazione a ogni costo e l’employment report dovrebbe mostrare ancora una crescita sostenuta degli occupati non agricoli. Il 7 luglio saranno pubblicate anche le minute della Bce.

Loading...
Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

In rialzo Eni, ancora debole Saipem, sottotono le banche

Tra i titoli, a Milano sono scattati al rialzo i titoli petroliferi con Eni e Tenaris, mentre Saipem, dopo un avvio positivo, è tornata a perdere nettamente terreno. Bene Diasorin, Amplifon e Ferrari all'indomani della vittoria del Gp di Silverstone. Segno opposto per le banche, che si muovono contrastate e sopra i minimi:Intesa Sanpaolo e Banco Bpm , con lo spread BTp/bund in area 200 punti base e quando, secondo il Financial Times, la Banca centrale europea starebbe cercando il modo di evitare che gli istituti di credito possano realizzare extra profitti eccessivi con il rialzo dei tassi.

Ma sul fronte del credito l'attenzione è andata anche alla posizione contraria allo scudo anti-Spread espressa dal presidente della Bundeskbank Joachim Nagel. Dopo la risalita della scorsa settimana i titoli di Stato (rendimento Btp 10 anni sceso da 3,55% a 3,2% e spread passato da 212 a 197) sono stati oggetto di vendita e il differenziale tra Btp e Bund è tornato sopra i 200 punti.

Spread BTp/Bund di nuovo sopra 200, rendimento al 3,3%

Chiusura in rialzo per lo spread tra BTp e Bund con i titoli italiani che hanno risentito delle dichiarazione del presidente della Bundesbank, Nagel, che ha espresso dubbi
sull'opportunità di azionare uno scudo anti-spread da parte della Bce. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005436693) e il pari scadenza
tedesco ha terminato la seduta a quota 201 punti base, tre punti in più rispetto al closing di venerdì. In crescita anche il rendimento del BTp decennale benchmark, che ha
segnato un'ultima posizione al 3,35% rispetto al 3,22% con cui ha chiuso venerdì scorso.

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Euro recupera, gas sopra euro al megawattora

Sul mercato valutario, l’euro passa di mano a 1,042dollari (1,0429 in avvio e 1,0405 venerdì in chiusura, dopo aver toccato i minimi da gennaio 2017), e 141,36 yen (141,171 e 140,69), quando il dollaro vale 135, 69(135,355 e 135,23). Sale il prezzo del petrolio: il contratto consegna Settembre sul Brent è scambiato a 113 dollari al barile e quello scadenza Agosto sul Wti sfiora i 110 dollari. Il prezzo del gas ad Amsterdam è in progresso del 10% circa 162 euro al megawattora, dopo che in Germania è stato lanciato un nuovo allarme sugli approvvigionamenti.

Prezzi alla produzione +0,7% nella zona euro a maggio

A maggio, secondo i dati Eurostat, i prezzi alla produzione industriale nell’area euro sono aumentati dello 0,7% e nella Ue dello 0,8% rispetto ad aprile dopo rispettivamente +1,2% e +1,3 per cento. Rispetto a un anno prima +36,3% e +36,4 per cento. In Italia +0,3% rispetto ad aprile e +42,7% rispetto a un anno prima. I prezzi alla produzione industriale nell'area dell'euro a maggio rispetto ad aprile 2022, sono aumentati dell'1,7% per i beni intermedi, dell'1,3% per i beni di consumo non durevoli, dello 0,9% per i beni di consumo durevoli e dello 0,6% per i beni strumentali, mentre sono diminuiti dello 0,2% nel settore energetico. I prezzi nell'industria totale, esclusa l'energia, sono aumentati dell'1,3 per cento. Nella Ue sono aumentati dell'1,7% per i beni intermedi, dell'1,4% per i beni di consumo non durevoli, dello 0,8% per i beni di consumo durevoli, dello 0,6% per i beni strumentali e dello 0,1% nel settore energetico. I prezzi nell'industria totale, esclusa l'energia, sono aumentati dell'1,4 per cento.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti